Maltempo, Toti: priorità togliere dall'isolamento la Val Bormida

Genova, 25 nov. (askanews) - "Abbiamo appena finito una riunione in prefettura che il ministro ha voluto coordinare in cui la Regione ha ribadito anche a nome delle istituzioni locali la necessità al più presto di estendere lo stato d'emergenza ai nuovi territori e ai nuovi danni che si sono prodotti, tra cui ovviamente il crollo del viadotto, ma non solo quello perché insiste sull'interruzione di moltissime strade statali, provinciali e comunali su cui dovremo intervenire. Abbiamo convenuto che lo stato d'emergenza arriverà al più presto, immagino che il prossimo Cdm lo affronterà".

Così il governatore della Liguria, Giovanni Toti, dopo aver fatto il punto in Prefettura a Savona con il ministro delle Infrastrutture, Paola De Micheli, dopo il crollo del viadotto dell'autostrada A6 Torino-Savona e l'ondata di maltempo che ha causato frane e danni in tutto il territorio regionale.

"La concessionaria autostradale sta esaminando il troncone rimasto di viadotto per valutare una parziale riapertura della tratta autostradale - ha aggiunto Toti - e si stanno coordinando i lavori sulle strade provinciali per togliere dall'isolamento la Val Bormida, che è la nostra priorità assoluta. Queste sono le emergenze e urgenze sulla provincia, poi è evidente che la Liguria ha un tema strutturale importante che comporta interventi strutturali su cui ragioneremo dopo la fase d'emergenza".