Maltempo, tra Vipiteno e il Brennero interrotte ferrovie e autostrada -2-

Cro-Mpd

Roma, 17 nov. (askanews) - Sotto controllo anche i corsi d'acqua, con monitoraggio particolare sul fiume Brenta, ma nel frattempo si è intervenuti sulle dighe per un primo svaso dei bacini. Restano allertati e attivi sul territorio i vigili del fuoco volontari e permanenti: sono stati effettuati una cinquantina di interventi per allagamenti, taglio piante e qualche incidente stradale. Si rinnova la raccomandazione di controllare i camini qualora fossero coperti da neve, per assicurare lo sfogo dei fumi.

Sul fronte geologico, sotto osservazione un piccolo smottamento sulla provinciale che da Centa San Nicolò scende a Caldonazzo.

Al momento si registra la chiusura per pericolo valanghe, per piante instabili in fregio alla sede stradale o alberi caduti sulla carreggiata e per puntuali frane, principalmente lungo tratte stradali nelle zone di alta montagna o in prossimità dei passi. Si raccomanda di viaggiare con prudenza per possibili tratti ghiacciati o particolarmente sdrucciolevoli, soprattutto nelle zone a quote superiori a 700 - 1200 metri dove sono in attività i mezzi per la pulizia delle strade, per i trattamenti antighiaccio e per l'allargamento della carreggiata anche con l'impiego di frese o turbine da neve.

La protezione civile raccomanda inoltre di prestare attenzione nella guida anche per possibili ristagni d'acqua sul piano viabile. E ricorda che dal 15 novembre è in vigore l'obbligo di viaggiare con pneumatici da neve o catene a bordo, montate durante le precipitazioni nevose.