Maltempo Sicilia oggi, tromba d'aria uccide un uomo a Modica

·3 minuto per la lettura

Maltempo in Sicilia, oggi una vittima nel Ragusano. A morire un uomo di 53 anni colpito in pieno da una tromba d'aria a Modica. In corso accertamenti da parte di polizia e carabinieri. La tromba d'aria ha interessato anche la zona del mercato ortofrutticolo di Comiso, sempre nel Ragusano, vicino al distributore Lukoil. Chiusa la strada provinciale 7 che da Comiso porta a Chiaramonte Gulfi per la presenza in carreggiata di materiale di copertura volato dai tetti di alcune botteghe e finito sulla strada. Sul posto sono presenti i vigili del fuoco, la Polizia e i tecnici comunali.

"C'è un disastro, soprattutto nella zona dell'entroterra, nelle campagne dove vivono 15mila persone. Le case sono state sventrate, ci sono danni enormi e purtroppo anche una vittima, un commerciante di 53 anni, colpito in pieno dalla tromba d'aria e scaraventato a terra". A dirlo all'Adnkronos è il sindaco di Modica, Ignazio Abbate. Alberi caduti, muretti di contenimento crollati, strade trasformate in fiumi e case scoperchiate: eccolo lo scenario che si presenta adesso nella cittadina del Ragusano, che nei giorni scorsi era riuscita a contenere i danni delle violente precipitazioni.

"Dalle 6 alle 7.30 ha piovuto con un'intensità mai vista - ha aggiunto -, cadeva grandine grossa come un uovo. Una cosa impressionante. I danni maggiori sono stati prodotti dalla tromba d'aria, non so neppure se si sia trattato di un unico evento. Attività produttive e case sono distrutte, con tetti e infissi divelti. Fortunatamente il maltempo ha risparmiato il centro storico". Le zone più colpite sono quelle di Serrameta, Trebalate, Bosco, Sant'Elena e Frigintini. "Sono decine e decine le famiglie con le case distrutte - dice ancora il sindaco -. Poco fa mi hanno chiamato per segnalarmi una coppia ferita. Sono marito e moglie trasferiti al pronto soccorso di Modica e Ragusa: la loro casa è stata sventrata, addirittura dentro è stato scaraventato un albero di ulivo".

Vigili del fuoco, volontari di protezione civile, forze dell'ordine sono già al lavoro. "Stiamo facendo una prima conta dei danni, anche se nelle zone colpite dalla tromba d'aria continua a piovere. Nelle campagne c'è un metro d'acqua. Stiamo cercando di liberare le strade da fango e detriti per raggiungere chi è rimasto isolato e portare i soccorsi. La città e soprattutto le zone interne sono in ginocchio". Poi l'appello ai cittadini. "State a casa. Non uscite se non strettamente necessario".

Nella provincia di Siracusa dopo le piogge e le raffiche di vento iniziate già nella serata di ieri, è allerta arancione e ancora una volta è Augusta il luogo più critico. Il paese è isolato con le vie di ingresso e di uscite allagate. Decine le richieste alla protezione civile di case allagate con cinquanta centimetri di acqua. Scuole chiuse così non solo ad Augusta ma in tanti altri paesi della provincia aretusea come Priolo, Melilli, Palazzolo Acreide, Ferla, Buccheri, Buscemi, Sortino. A Siracusa, invece, le scuole sono regolarmente aperte.

Il sindaco di Augusta, Giuseppe Di Mare, ha disposto la chiusura delle scuole. E lancia un appello ai cittadini: "Uscite di casa solo per necessità'. "Considerate le gravi condizioni meteo che da stanotte impattano sulla nostra città e gli effetti sulla viabilità - dice -, vista la forte grandinata delle scorse ore ai fini di effettuare operazioni di ricognizione di eventuali danni in corso ho firmato l'ordinanza di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado per la giornata di oggi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli