Maltempo in Valsassina, forte nubifragio causa frane e inondazioni

maltempo-valsassina

È di nuovo allarme maltempo in Valsassina, nella provincia di Lecco. Dopo i danni provocati dalle abbondanti piogge dello scorso giugno è del 6 agosto la notizia di un forte nubifragio che ha causato frane ed inondazioni nei pressi del comune di Casargo. A quanto risulta, gli smottamenti che hanno colpito la cittadina si sono originati dal versante sinistro della valle, travolgendo le strade con fango e detriti.

Maltempo in Valsassina, strade isolate

Come riportato dalla testata online Lecco Notizie l’allerta per il nubifragio è scattata intorno alle ore 19 del 6 agosto, quando la colata di fango ha iniziato ad invadere le vie del paese oltre alla Strada Provinciale 67 dell’Alta Valsassina. Proprio la provinciale 67 risulta chiusa al traffico a partire dal comune di Margno, lasciando quindi l’Alta Valsassina completamente isolata. Una precedente ondata di maltempo aveva colpito Casargo appena una settimana fa, con 14 abitanti fatti sfollare dalle loro abitazioni. Di questi, 9 erano ritornati a casa soltanto domenica scorsa.

Al momento non si registrano feriti a causa del maltempo, nonostante alcune persone siano state evacuate per precauzione a Margno. Sul posto sono giunti numerosi mezzi di soccorso del 118, dei Vigili del Fuoco e del Soccorso Alpino. L’allerta della Protezione Civile per forti temporali e rischio idrogeologico è stata prolungata fino al prossimo aggiornamento meteo.

Le parole del sindaco di Crandola

Impegnato nelle operazioni di soccorso, il sindaco di Crandola – comune adiacente a Casargo – Matteo Manzoni è intervenuto per spiegare la situazione attualmente in corso nella valle: “Ho visto un mare di fango e detriti invadere la strada, sono sceso da Crandola fino all’Hotel Sassi Rossi e dopo essermi confrontato con il dirigente alla viabilità della Provincia di Lecco ho chiuso la provinciale. La situazione a Casargo è drammatica, più di quanto accaduto l’ultima volta. Al momento non ho notizie di feriti ma in posto ci sono diversi mezzi di soccorso. Attendiamo notizie”.