Maltrattamenti e abusi in una Rsa del Foggiano: 4 arresti

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 3 ago. (askanews) - Maltrattamenti e abusi,fisici e psicologici a danno di pazienti in età avanzata e con patologie altamente invalidanti rivocerati nella Rsa di Manfredonia, nel Foggiano. Ruota attorno a questa accusa l'operazione della Polizia di Stato di Foggia che ha portato agli arresti domiciliari quattro indagati operatori socio sanitari impiegati nella R.S.A. Le misure cautelari disposte dal Gip presso di Foggia sono scattate al termine delle iindagini avviate dagli investigatori della squadra Mobile a giugno scorso dopo l'invio in Commissariato di P.S. di lettera anonima in busta chiusa in cui si faceva accenno a presunti episodi di maltrattamenti da parte di operatori socio sanitari.

Nella busta c'era anche una chiavetta USB con un file audio video sul cui erano state registrate le urla di un'anziana donna. I vari presidi tecnici installati all'interno della struttura, già dopo pochi giorni dall'attivazione, hanno permesso di registrare numerose e continue abusi, fisici e psicologici, da parte degli operatori in servizio nella Rsa. Condotte "prevaricatrici ed inutilmente punitive" ispirate "a mera volontà denigratoria ovvero da un irrazionale intento di ricondurre a contegni di autocontrollo e disciplina soggetti del tutto incapaci, a causa del loro stato fisico e mentale", scrive il gip di Foggia nell'ordinanza di custodia cautelare. Uno degli indagati è gravemente indiziato anche di aver compiuto delle violenze sessuali nei confronti di due degenti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli