"Mami, scusami": scappa di casa a 16 anni con un'amica conosciuta su TikTok

Ilaria Betti
·.
·2 minuto per la lettura
(Photo: Chesnot via Getty Images)
(Photo: Chesnot via Getty Images)

“Mami scusami, ma non mi sento tanto bene. Starò bene o da papi o da un’amica. Appena trovo un telefono ti chiamo. Scusami, ti amo”: poche parole lasciate su un bigliettino, poi più nulla. Dal 16 gennaio non si hanno più notizie di una ragazza di 16 anni fuggita da Reggello, in provincia di Firenze, in compagnia di una coetanea che avrebbe conosciuto su TikTok.

A dare l’allarme sono stati i genitori della sedicenne, che il 18 gennaio ne hanno denunciato la scomparsa ai militari. La ragazzina avrebbe con portato con sé il tablet del fratello, dal quale sta continuando a caricare brevi video su TikTok. Secondo le ricostruzioni, le due si spostano rapidamente: in pochi giorni avrebbero caricato foto e video da diverse città, come Milano, Torino, Verona. Ma ancora nessuno, nonostante i carabinieri lavorino senza sosta per seguire i loro movimenti, è ancora riuscito a rintracciarle.

“Sabato ha telefonato al fratello – racconta il padre a La Nazione – dicendo che sarebbe tornata domenica. Il giorno dopo ha cercato me, per dirmi che stava bene e che sarebbe tornata lunedì. Quando l’ho pregata di rientrare, aggiungendo che sarei andato a prenderla ovunque, mi ha però risposto che sono un pazzo, ha riattaccato e non si è più fatta sentire”.

Ma chi è la giovane con cui sarebbe scappata la 16enne? La Nazione prova a fare un’ipotesi.

Le telefonate sono partite dal cellulare (ora staccato) della ragazza con cui è in fuga, una influencer, nota nel mondo virtuale (è seguita da migliaia di follower) ma anche alle forze dell’ordine: lo scorso anno era finita nei guai per aver bullizzato e costretto a spogliarsi su Instagram un ventenne disabile, che aveva poi pensato al suicidio. Voleva aumentare il numero dei suoi follower.

Leggi anche...

Il papà di Antonella: "TikTok era il suo mondo". Polizia Postale: "Mai lasciarli soli"

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.