Maneskin miglior band rock agli Ema: “Ma sui diritti civili l’Italia ha perso”

·2 minuto per la lettura
Maneskin wins Best Rock award during the MTV Europe Music Awards in Budapest, Hungary, November 14, 2021. REUTERS/Marton Monus (Photo: MARTON MONUS via REUTERS)
Maneskin wins Best Rock award during the MTV Europe Music Awards in Budapest, Hungary, November 14, 2021. REUTERS/Marton Monus (Photo: MARTON MONUS via REUTERS)

È il primo successo italiano in una delle categorie internazionali nella storia degli Ema. I Maneskin si sono aggiudicati il titolo di “Miglior gruppo rock” agli Mtv European Music Awards. Nessun artista del nostro paese era riuscito ad arrivare fin qui, neanche alle nomination. E a Budapest a contendere loro lo scettro c’erano gruppi del calibro di Coldplay, Foo Fighters, Imagine Dragons, Kings Of Leon e The Killers. Intervistati da La Stampa, i quattro ventenni romani hanno dichiarato:

La gente spesso ci diceva che non ce l’avremmo fatta con la nostra musica. Beh, pare che vi siate sbagliati.

Basterebbe il loro look per mandare un segnale chiaro a sostegno della libertà di espressione e delle battaglie per i diritti Lgbt+, ma i Maneskin lo hanno voluto sottolineare anche a parole:

Quest’anno, in particolare, bisogna andare fieri del nostro Paese per i risultati raggiunti non soltanto da noi, ma da tanti sportivi e personaggi della cultura. Peccato però per i diritti civili, dove continuiamo a rimanere indietro: e invece sarebbe stata la vittoria più importante.

L’evento di Mtv si è svolto in un paese come l’Ungheria, nel mirino della comunità internazionale per il mancato rispetto dei diritti della comunità Lgbt+.

Noi siamo da sempre schierati da quella parte, sia sul palco che nella vita privata e lo dimostriamo tutti i giorni.

Nel corso dell’evento non sono mancati gli appelli per l’inclusione e l’eguaglianza a prescindere dagli orientamenti sessuali, a partire dal concerto di sabato sera degli OneRepublic in piazza Heroes Square, ma anche nel corso dello show trasmesso in diretta in 180 paesi. Show quest’anno ispirato alle terme di Budapest e al Danubio, che attraversa la città, con palchi che sembravano galleggiare nell’acqua. Il gruppo torna da un’esperienza americana importante ed eccitante: I Rolling Stones, Jimmy Fallon, Miley Cyrus e l’attrice Drew Barrymore sono impazziti per loro.

C’è da dire anche che l’America è sempre stata l’obiettivo da raggiungere, ma la risposta degli americani va oltre ogni più rosea aspettativa, si dice così vero? Diciamo anche che abbiamo sempre creduto in noi stessi, ma così è tutto quasi surreale. Ma l’Italia rimarrà sempre e per sempre casa nostra... qualsiasi cosa accada.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli