In manette l'omicida di Frascogna, il ragazzo è appena maggiorenne

·2 minuto per la lettura
Omicidio Simone Frascogna, il colpevole costituito
Omicidio Simone Frascogna, il colpevole costituito

Nella serata del 3 novembre 2020 è avvenuto l’omicidio di Simone Frascogna, 19enne, a Casalnuovo, in provincia di Napoli. Da allora sono in corso le indagini per la ricerca dei colpevoli, che hanno finalmente portato all’individuazione di 3 ragazzi.

Omicidio Simone Frascogna: il colpevole

La lite è cominciata nel traffico, iniziata dapprima a parole per poi passare alle mani e finire con delle coltellate, inferte su Frascogna. Così è morto il giovane napoletano, a causa di un tafferuglio con 3 ragazzi a bordo di un auto. Il vero colpevole dell’omicidio si è costituito, raccontando la vicenda alle forze dell’ordine e confermando di aver ucciso la vittima.

I 3 ragazzi sono stati individuati dalle telecamere poste sulla strada, filmati controllati dai carabinieri durante le indagini coordinate dalla Procura di Nola, guidata da Laura Triassi. Poche ore dopo la lite, degenerata in omicidio, 2 giovani sono finiti in manette: uno aveva 18 anni, l’altro 17. Nelle immagini si vede Simone Frascogna in auto con un amico, 18enne, e la Smart sulla quale erano a bordo gli aggressori, una dietro l’altra sin da via Vittorio Emanuele.

Omicidio per una precedenza

La lite e il conseguente accoltellamento sono avvenute su Corso Umberto I, sembrerebbe a causa di una mancata precedenza. Nonostante l’arrivo dell’ambulanza sul posto e il ricovero ospedaliero della vittima, non c’è stato nulla da fare: le ferite erano troppo gravi, il decesso poco tempo dopo l’arrivo presso la struttura. L’amico di Frascogna, ferito, fortunatamente ha dovuto soltanto ricevere medicazioni ed è stato dimesso in giornata.

Secondo il racconto del giovane accusato di omicidio, che si è consegnato, la vittima non avrebbe dato precedenza alla Smart. Uno dei 3 passeggeri avrebbe proferito: “Tu non sai a chi appartengo”, poco dopo le due auto si incontrano su Corso Umberto I e la situazione degenera. Simone Frascogna è riuscito a difendersi, finché il 18enne non ha tirato fuori un coltello.