In manette un 28enne romano dopo un lancio “fuori centro” effettuato lo scorso 28 marzo

·2 minuto per la lettura
Vleivolo del pusher intercettato da un elicottero dei Carabinieri
Vleivolo del pusher intercettato da un elicottero dei Carabinieri

Cocaina lanciata dall’aereo in volo nei cieli della Sardegna, un arresto messo a segno dai Carabinieri ad Oristano dopo indagini avviate lo scorso 28 marzo, quando un precedente carico mancò i trafficanti e andò a centrare il tetto di un’abitazione. A metà fra Barry Seal e Benny Hill insomma, con 8,5 chili di cocaina che a fine marzo di quest’anno presero in pieno il tetto di un’abitazione a Baratili San Pietro e fecero venire un mezzo infarto a chi ci abitava dentro. Da quell’episodio, con la relativa denuncia della famiglia bombardata dalla coca e con il sequestro della stessa, aveva preso piede l’indagine denominata “Fly down”. Le azioni di contrasto dell’Arma al traffico di droga segnano un altro unto a favore dello Stato dunque.

Cocaina lanciata dall’aereo per sbaglio sul tetto di una casa: un arresto

Un mero errore nel centrare il bersaglio, molta pazienza e fiuto investigativo: ecco gli ingredienti del blitz partito da quei nove milioni di euro piovuti dal cielo. Quell’errore aveva fatto alzare le antenne dei militari su un traffico di droga che aveva superato rotte e canali di approvvigionamento convenzionali e aveva reso i cieli dell’Italia simili a quelli dei paesi del Centro America dove operano i narcos e dove proprio i piccoli aerei da turismo sono i vettori principali del trasporto dello stupefacente. E con la droga sequestrata si sarebbero potuti alimentare centinaia di festini illegali, se non migliaia.

Cocaina lanciata dall’aereo e un arresto: 8,5 chili per 9 milioni di euro di valore

E non appena si è rialzato in volo i carabinieri hanno arrestato il 28enne Francesco Rizzo, di Palestrina in provincia di Roma. L’uomo è incensurato, è un istruttore di volo e alle 13.30 del 28 marzo si era perso un carico, un borsone con all’interno 8,5 chili di cocaina viene recuperato e scattano le indagini. I militari della Compagnia di Oristano si sono messi in caccia coordinati dalla Procura della Repubblica competente.

Elicotteri e tenacia per l’arresto del responsabile della cocaina lanciata dall’aereo

Il tutto con la collaborazione dei colleghi dell’11/o Nucleo Elicotteri Carabinieri di Elmas in una indagine certosina e tenace; dopo tre mesi di verifiche e controlli incrociati fanno bingo. La rotta di quell’aereo portava nel Lazio, per la precisione in una scuola di volo di Roma. Controllare il calendario e la documentazione ed individuare Rizzo era stato a quel punto facile. Il pilota arrestato aveva lanciato il borsone con la droga da un Cessna di una scuola di volo della Capitale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli