Mangi spesso il polpo maschio? Forse non sai del tentacolo 'intimo' che mangiamo

Lezione di Scienze a Masterchef. Durante la scorsa puntata del talent culinario più noto della televisione, Bruno Barbieri ha deliziato concorrenti e compagni d’avventura con una spiegazione scientifica che riguarda il polpo maschio.

Hai mai mangiato il polpo maschio?” esordisce il noto giudice davanti ai suoi colleghi, mentre dall’altra parte i partecipanti alla gara si dilettavano con la preparazione dei loro piatti.

LEGGI ANCHE: -- Questo è il polpo più lungo del mondo: è grande quanto un auto. Le immagini del suo tentacolo 'intimo' da brividi

Voi lo sapevate che uno dei tentacoli del polpo maschio è il suo pene?” ha chiesto Barbieri, rimasto sorpreso di scoprire che Antonino Cannavacciuolo e gli altri due giudici fossero a conoscenza di questo particolare anatomico del polpo.

Così Barbieri va avanti con la sua lezione: “E lo sapevate che i polpi maschi che hanno quel tentacolo lì più corto, è più facile che rischino la vita?” ha domandato ancora il novello insegnante di scienze, tra risatine generali in studio.

Non ridete, ora ve lo spiego: non riuscendo a tenere durante l’accoppiamento a debita distanza la femmina, la signora polpo riesce ad avvinghiarlo, lo stritola, lo ammazza e se lo mangia”.

https://twitter.com/MasterChef_it/status/1088551051970646016

Nonostante abbia scatenato ilarità tra i suoi colleghi, la spiegazione di Barbieri ha un fondo di verità. L’accoppiamento del polpo argonauta, ad esempio, avviene davvero attraverso uno dei tentacoli, quello contenente gli spermatozoi appunto, che si aggancia grazie alle ventose alla femmina.

Inoltre, mentre l’organo sessuale del polpo femmina può arrivare fino ai 10 cm, quello dei maschi non supera i 2 cm.

Non sorprende neanche che dopo l’atto sessuale possa verificarsi l’episodio di cannibalismo descritto da Barbieri: in natura sono molte le specie animali, i cui esemplari femmina divorano il proprio partner maschile. Tra le più note, la mantide religiosa, che uccide il maschio dopo l’accoppiamento per favorire la nascita della prole.

(foto @kikapress)