Non paga il ristorante, denunciato Bossi jr

L'ex leader della Lega Umberto Bossi (REUTERS/Alessandro Garofalo)

Denunciato per insolvenza fraudolenta dopo essersene andato dal ristorante senza pagare. Protagonista della vicenda è Riccardo Bossi, primogenito del fondatore della Lega Umberto Bossi.

VIDEO - Chi è Umberto Bossi

Secondo quanto riportato da Nazione e Corriere Fiorentino, il quarantenne figlio del "senatur" ha cenato sabato sera in compagnia di una ragazza nel ristorante "Antico Beccaria", a Firenze. Al momento di pagare il conto, 66 euro, Bossi si sarebbe letteralmente dileguato sostenendo di doversi recare al bancomat per prelevare il contante dopo che la sua carta non aveva funzionato.

Senza neanche sapere che si trattasse del figlio dell'ex leader leghista, il ristoratore ha immediatamente avvisato le forze dell'ordine fornendo loro il numero di telefonino con il quale gli era arrivata nel pomeriggio la prenotazione del tavolo. La polizia ha rintracciato Bossi Jr in un residence poco lontano dal ristorante ed è stato informato del rischio di denuncia. Denuncia che il giorno dopo il ristoratore, assistito dai suoi legali, ha puntualmente sporto.

LEGGI ANCHE: Che cosa fanno i figli dei politici italiani?

"Non è certo per la somma, ma è una questione di principio. E magari con la mia denuncia, metto in guardia qualche altro commerciante fiorentino dal guardarsi da questo signore" ha detto il ristoratore Gaetano Lodà alla Nazione.

Alla denuncia per il reato di insolvenza fraudolenta - scrive la Nazione - potrebbe aggiungersi anche quella dell'albergo nel quale Riccardo Bossi ha soggiornato nel fine settimana. Pare infatti che al momento di saldare, domenica mattina, il fratello maggiore del "Trota" non avesse il denaro da aggiungere ai 100 euro anticipati con la prenotazione.

VIDEO - Grillo: pensavo Salvini fosse leale, invece ha pugnalato