Mangia per anni solo patatine fritte, 'cieco' a 17 anni

webinfo@adnkronos.com

Praticamente cieco a 17 anni, per colpa di una dieta iper-selettiva seguita per anni e a base di patatine fritte, fatte in casa o industriali, pane bianco e occasionalmente qualche rara fetta di prosciutto o una salsiccia ogni tanto. A descrivere il caso dell'adolescente sono i medici del Bristol Eye Hospital (Gb), che lo hanno avuto in cura dopo che la sua vista si era deteriorata, fino ad arrivare alla cecità. Nel mirino non c'è semplicemente il cibo spazzatura, ma l'atteggiamento schizzinoso ed esigente che porta molti bambini a evitare alcuni cibi. Il ragazzino, infatti, fin dagli anni delle elementari - come si legge sugli 'Annals of Internal Medicine' - aveva eliminato dal suo menù la quasi totalità degli alimenti.  

Una dieta iper-selettiva che gli ha provocato, con il passare del tempo, una grave carenza vitaminica, malnutrizione e che lo ha portato alla cecità. L'adolescente, il cui nome non è stato reso noto, si era rivolto al medico di famiglia a 14 anni perché si sentiva stanco e malato. All'epoca il suo peso era normale e non prendeva farmaci. Le analisi hanno mostrato una carenza di vitamina B12, trattata con degli integratori, a cui il medico aveva aggiunto delle indicazioni alimentari.  

Il ragazzino non ha seguito il trattamento né ha migliorato la sua dieta. A 15 anni aveva sviluppato problemi di udito e vista, e a 17 anni le sue capacità visive erano arrivate al livello di cecità legale. I medici hanno condotto dei test, scoprendo così che alla carenza di vitamina B12 si erano aggiunti bassi livelli di rame e selenio e bassissimi livelli di vitamina D.  

Come ha spiegato alla Bbc online Denize Atan, che ha seguito il ragazzo in ospedale, "la sua dieta era essenzialmente composta da una porzione al giorno di patatine dal negozio di fish and chips. Era anche solito fare uno spuntino con patatine fritte in busta e talvolta fette di pane bianco e qualche fetta di prosciutto. Niente frutta e verdura". Il ragazzo ha spiegato questa scelta con "un'avversione per certe consistenze dei cibi che non poteva davvero tollerare, e quindi le patatine fritte erano davvero l'unico alimento che desiderava e sentiva di poter mangiare". 

Il ragazzo non era sottopeso, ma era gravemente malnutrito a causa del disturbo evitante/restrittivo dell'assunzione di cibo. "Aveva perso minerali dalle ossa, il che è davvero scioccante per un ragazzo della sua età", continua Atan. In termini di perdita della vista, il giovane ha ormai raggiunto i criteri per essere definito cieco. "Non può guidare e per lui sarebbe molto difficile leggere, guardare la Tv o distinguere i volti. Tuttavia può camminare da solo perché ha conservato la visione periferica".  

La neuropatia ottica nutrizionale - che affligge il giovane - è curabile se diagnosticata precocemente. Altrimenti le fibre nervose nel nervo ottico muoiono e il danno diventa permanente. Atan ha sottolineato che casi come questo sono per fortuna insoliti, ma i genitori dovrebbero essere consapevoli dei potenziali danni di un atteggiamento iper-selettivo a tavola e chiedere aiuto a un esperto. 

Quello dell'adolescente britannico che ha finito per perdere la vista "è certo un caso straordinario, ma è anche la spia di una disattenzione e di un'incuria generale nei confronti dei bambini. Bambini e infanzia che sono assenti anche nei programmi dei governi", dice all'Adnkronos Salute Alberto Villani, presidente della Società italiana di pediatria (Sip) e responsabile dell'Unità operativa complessa di pediatria generale e malattie infettive dell'Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. 

"Occorre educare, anche all'alimentazione e a una dieta varia. E questo è compito dei genitori. Come si può lasciare che un bambino si nutra solo di patatine fritte? La vicenda descritta dai colleghi britannici è sorprendente, ma è anche spia di incuria e abbandono, un epifenomeno di una disastrosa gestione dei minori. Come pediatri non possiamo accettarlo", sottolinea Villani. Può non essere semplice convincere un bimbo piccolo a mangiare alcuni alimenti, dalle verdure al pesce. "Ma è assurdo che un adulto non sia in grado di insegnare a un bambino a seguire una dieta sana. Certo, se il pasto è vissuto come una perdita di tempo, un fastidio, allora le cose diventano difficili".  

Villani invita alla pazienza: "Il passaggio dal latte ai cibi solidi e la masticazione non sono processi semplici: non si può pretendere che questo momento sia sempre scevro di problemi. Ma, certo, se il bimbo ha visto i genitori mangiare a tavola, ha potuto giocare con le posate, affronterà questo momento con maggiore tranquillità". Il cibo è salute, come evidenzia il caso del giovanissimo paziente inglese. "E se non ce ne occupiamo, e soprattutto non ci occupiamo di bambini, infanzia e natalità, non andremo da nessuna parte", ammonisce il pediatra.