Mangia un piatto di spaghetti a colazione ogni giorno, ecco quanti chili perdi

Spaghetti a colazione, la stravagante idea per dimagrire senza troppi sforzi

Ciclicamente le diete più strane tornano in auge e guadagnano popolarità per poi essere dimenticate e sostituite dai regimi alimentari più equilibrati: mangiare pasta al pomodoro a colazione, però, sembra essere una pratica sempre più in voga tra star e non, che cercano di dimagrire velocemente. Ma quanto e come funziona la cosiddetta dieta degli spaghetti a colazione? LEGGI ANCHE: >> Ecco la pasta che non fa ingrassare: solo 10 kcal per 100 gr. La creatività associata alle diete è un marchio di fabbrica di Alberico Lemme che è riuscito – non senza critiche – a rivoluzionare la filosofia del mangiare ottenendo risultati notevoli sponsorizzati da vip nostrani come Flavio Briatore o Iva Zanicchi. LEGGI QUA: >> Quanto costa la dieta Lemme? La cifra esorbitante per un solo mese La dieta degli spaghetti a colazione promette di far perdere anche 10 kg al mese e prevede un bel piatto di pasta al posto del tradizionale caffè con biscotti per dare uno shock al metabolismo, poi si apre una fase successiva per mantenere il nuovo peso-forma che dura circa 3 mesi. LEGGI ANCHE: >> Perde 100 kg senza fare diete drastiche: ecco il metodo Gabriel e i 7 segreti che ha svelato al mondo Gli alimenti da evitare nella prima fase sono parecchi: zucchero, dolcificanti, aceto, pane, latte e derivati e sale (anche nell’acqua della pasta), frutta e verdura. Questi cibi fanno alzare l’indice glicemico facendoci sentire più fame. Consentiti invece tè (ECCO COSA SUCCEDE AL TUO ORGANISMO SE LO BEVI 4 VOLTE A SETTIMANA), caffè, limone, acqua gassata e ancora tutte le erbe aromatiche. È inoltre fare attenzione a non abbinare carboidrati e proteine nello stesso pasto o nella stessa giornata. Perché funzioni la dieta degli spaghetti a colazione, bisogna anche rispettare orari specifici basati sulla produzione dell’insulina: la colazione va bene fino alle 9.30, il pranzo tra le 12 e le 14, mentre la cena si dovrebbe consumare non più tardi delle 21. Foto@Kikapress