Manifestanti bloccano l'A1 ad Orte: "Non ne possiamo più di promesse sulle riaperture"

·2 minuto per la lettura

AGI - Disagi sull'autostrada A1, in direzione Firenze, per una manifestazione di ristoratori e commercianti  che ha causato la chiusura temporanea della carreggiata nel tratto compreso tra Orte e Attigliano. Il blocco stradale è in corso all'altezza del Km 479,5 in prossimità dell'area di servizio Giove Est.

Secondo quanto si è appreso si tratta di ristoratori  che facevano ritorno a casa dopo aver partecipato alla manifestazione che si è svolta al Circo Massimo a Roma.

Sul luogo della manifestazione sono intervenute le pattuglie della Polizia Stradale ed il personale della Direzione 5° Tronco di Fiano Romano di Autostrade per l'Italia. Attualmente, all'interno del tratto chiuso comunica autostrade per l'Italia,  il traffico è bloccato e si registrano 2 km di coda in direzione Firenze.

"Agli utenti alla guida di autovetture diretti verso Firenze, dopo l'uscita di Orte, si consiglia di percorrere la SS675 per Viterbo Montefiascone e rientrare in A1 a Orvieto - scrive Autostrade -  in alternativa si consiglia, dopo l'uscita di Orte, di seguire le indicazioni per Amelia e rientrare in A1 ad Attigliano. Agli utenti alla guida di mezzi pesanti diretti verso Firenze, dopo l'uscita di Orte, si consiglia di percorrere la E45 in direzione Perugia e rientrare in A1 a Valdichiana". 

"Basta promesse, vogliamo aprire, senza fasce colorate e coprifuoco siamo stati a Roma, non ci hanno accolto - affermano a più voci in un video girato tra le auto ferme, e postato sulla pagina Facebook di Pasquale Naccari, portavoce di Tutela Nazionale Imprese - quando apriamo? Boh. Quanto ci danno? Boh, Non ne possiamo più di promesse, noi dormiamo qua.

Siamo agnelli sacrificali dei grandi poteri. Noi non siamo violenti, criminali, fascisti o comunisti. Abbiamo parlato con tutti e non vogliamo più parlare con nessuno, ci hanno rotto i c....., siamo stanchi di parlare e di fare tarantelle. Siamo gente perbene e vogliamo tutelare il nostro lavoro".