Manifestazione No Green Pass a Trieste, 7-8mila partecipanti scendono in piazza

·2 minuto per la lettura
trieste
trieste

A Trieste, il movimento No Green Pass è nuovamente sceso in piazza per manifestare contro il certificato verde: al corteo, erano presenti migliaia di persone.

Trieste, migliaia di persone al corteo No Green Pass: deviazione in piazza Unità, cori contro la Procura

Nel pomeriggio di giovedì 28 ottobre, intorno alle ore 17:30, il movimento No Green Pass di Trieste ha organizzato una nuova manifestazione che si è radunata presso Campo San Giacomo.

Nelel sue fasi iniziali, il corteo partito da Campo San Giacomo era composto da circa 1.500 persone ma, nel giro di poco tempo, l’evento organizzato dal Coordinamento No Green Pass di Trieste ha raggiunto i 7-8mila partecipanti.

Il corteo avrebbe dovuto sfilare fino a fermarsi in piazza Venezia ma, invece, ha effettuato una deviazione rispetto al percorso indicato e si è recato in piazza Unità dove i protestanti si sono fermati dinanzi alla Procura. Al cospetto degli agenti in assetti antisommossa, pronti a difendere la struttura, i manifestanti hanno intonato cori e urlato slogan.

Trieste, migliaia di persone al corteo No Green Pass: il responso del Consiglio dei Ministri

Alla manifestazione No Green Pass erano presente anche Stefano Puzzer, afferente al nuovo movimento battezzato “La gente come noi – FVG”, e Ugo Rossi, a capo del movimento no vax 3V.

Il corteo radunato era in attesa del responso circa la richiesta di revoca dell’obbligo del Green Pass per i lavoratori, rivolta al ministro Stefano Patuanelli in occasione dell’incontro avvenuto lo scorso sabato 23 ottobre. La richiesta avrebbe dovuto essere riferita dal politico in Consiglio dei Ministri durante la riunione fissata nel pomeriggio di giovedì 28 ottobre.

Trieste, migliaia di persone al corteo No Green Pass: cori e triscioni

A capo del corteo No Green Pass di Trieste, sono stati esibiti due striscioni, uno dei quali era stato realizzato dai “ferrovieri contro il Green Pass”.

Da un furgone che aveva il compito di aprire il corteo, invece, venivano urlate frasi come “Siamo per la libera scelta, se vaccinarsi o meno. Giù le mani dai bambini” oppure “Non ci fanno andare davanti al varco 4 perché hanno paura di noi” o, ancora, “Vogliamo salute e libertà. No Green Pass”.

Il corteo, poi, si è scagliato anche contro il sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza, “che ha minacciato mostrando il simbolo del fucile ai manifestanti. Te lo diciamo chiaramente: finché l’ultimo lavoratore non tornerà a lavorare, piazza Unità non sarà sgombera”.

Alcuni manifestanti portavano cartelli con scritte come “Quando l’ingiustizia diventa legge, la resistenza diventa un dovere”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli