Manifestazioni a Washington dopo notizia su possibile voto Corte suprema per abolire aborto

Manifestanti a Washington davanti alla Sede della Corte Suprema

WASHINGTON (Reuters) - Manifestanti a favore e contro il diritto all'aborto sono scesi in strada a Washington dopo la pubblicazione di una notizia secondo cui la Corte suprema degli Stati Uniti potrebbe ribaltare la sentenza Roe contro Wade del 1973, che aveva garantito il diritto all'aborto negli Stati Uniti.

Una bozza che contiene il parere della maggioranza dei giudici, sembra suggerire che la Corte abbia scelto di ribaltare la sentenza Roe contro Wade, secondo quanto riportato nella notte da Politico.

Reuters non ha potuto confermare l'autenticità della bozza. La Corte suprema e la Casa Bianca non hanno rilasciato dichiarazioni.

Nelle ore immediatamente successive alla pubblicazione della notizia, si sono trovati davanti alla sede della Corte suprema diversi gruppi, con gli attivisti anti-aborto che hanno iniziato a cantare slogan come "hey hey, ho, ho Roe v. Wade has got to go" (hey, hey, ho,ho, bisogna abolire la Roe contro Wade), mentre i sostenitori della libertà di scelta hanno risposto al grido di "abortion is healthcare" (l'aborto è parte dell'assistenza sanitaria).

Il dritto all'aborto è una delle questioni più divisive nella politica statunitense, e lo è stato per quasi cinquanta'anni.

Secondo un sondaggio di Pew Research Center del 2021, il 59% degli statunitensi adulti pensa che l'aborto debba essere legale in tutti o nella maggior parte dei casi, mentre solo il 39% pensa che debba essere illegale sempre o nella maggior parte dei casi.

"(La sentenza) Roe è stata clamorosamente sbagliata sin dall'inizio", ha scritto nella bozza, datata 10 febbraio, il giudice conservatore Samuel Alito, secondo Politico, che ha postato online una copia del documento.

Basandosi sull'opinione di Alito, la Corte dovrebbe concludere che la sentenza Roe contro Wade, che ha reso possibili gli aborti effettuati prima che un feto sia in grado di sopravvivere fuori dall'utero - ossia tra le 24 e le 28 settimane - sia stata un errore, dal momento che non c'è menzione del diritto all'aborto nella Costituzione degli Stati Uniti.

"L'aborto rappresenta una questione morale profonda. La Costituzione non impedisce ai cittadini dei singoli stati di regolare o di vietare l'aborto", ha detto Alito, secondo la bozza.

La diffusione del documento ha scioccato gli Stati Uniti, anche perché la Corte dà grande importanza alla segretezza dei dibattiti al proprio interno, e fughe di notizie del genere sono rare.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli