Mannino: "Nuovo governo destinato a durare poco"

webinfo@adnkronos.com

Questa crisi di governo è "una bella fatica per il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella", perché "mai come stavolta si trova di fronte a una scelta che impegna la sua responsabilità". Ne è convinto Calogero Mannino, l'ex ministro Dc della Prima Repubblica, secondo cui "sarà comunque un governo precario", "sia che i 5 stelle ritornino alla Lega, sia che il M5S trovi qualche soluzione con il Pd", entrambe "sono soluzioni precarie, non destinate a durare. Infatti, tatticamente, c'è chi vuole questa alleanza solo per spostare il paletto delle elezioni. Ma stavolta non è bene spostarlo".  

"Il Presidente della Repubblica si trova di fronte a una decisione impegnativa". "Abbiamo votato appena un anno fa - dice Mannino - la crisi italiana non si risolve, si è aperta nel '92 ed è inchiodata agli stessi problemi: la mancanza di partiti che raccogliessero la successione dei partiti della Prima Repubblica". "E' sopravvissuto solo il Partito comunista che è l'unico che non doveva sopravvivere. E' scomparso il Partito socialista e la Dc e si è creato un vuoto, che è stato occupato una volta da Berlusconi e una volta dalla Lega. Il populismo è nato nel 1992".