Mannino: "Sempre convinto dell'innocenza di Lombardo, gli auguro sonni tranquilli"

·1 minuto per la lettura

"Personalmente provo la soddisfazione che può provare un amico. Un amico, peraltro, sempre convinto della sua innocenza". Così all’AdnKronos l’ex ministro Dc Calogero Mannino commenta l’assoluzione in appello dell’ex Presidente della Regione Sicilia Raffaele Lombardo.

"E un riconoscimento che la giustizia gli rende – aggiunge -, certo, un riconoscimento molto faticoso per lui. Un’esperienza che io ho fatto anche più intensamente e più dolorosamente. Per la verità nel chiamarlo per compiacermi gli ho detto che non sapevo se congratularmi, perché quando capitavano a me queste cose quasi mi dava fastidio che si congratulassero per una cosa molto scontata com’era l’assoluzione". Quanto alla possibilità che l’odissea giudiziaria di Raffaele Lombardo possa non essere ancora giunta al capolinea, Mannino chiosa: "Io dormivo sonni tranquilli, poi mi è arrivato un pezzo di carta che si è preso altri dieci anni. Gli auguro che non gli capiti la stessa cosa". Poi, in conclusione, Mannino sottolinea che una certa magistratura antimafia "continua nel suo mestiere, non dismetteranno. Il caso Palamara, di una gravità estrema, ha avuto conseguenze, alcuni membri del Csm si sono dimessi, ma il Csm è stato ripristinato nel suo plenum e continua nel suo esercizio. I problemi che solleva il disvelamento Palamara non sono stati affrontati. Cosa dimostra? Che il problema della giustizia è diventato irresolubile, non ci può provare nessuno, non ci ha provato neanche il presidente della Repubblica".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli