Manovra 2022 e pensioni, Lega lavora per quota 102

·1 minuto per la lettura

"La Lega lavora ad una mediazione ragionevole" sulle pensioni nell'ambito della Manovra 2022. La mediazione "potrebbe essere quota 102 con strumenti per consentire la pensione ad alcune categorie specifiche come i lavoratori precoci o per quelli di imprese sotto i 15 dipendenti", spiegano fonti della Lega. Il Carroccio "è tendenzialmente favorevole a fondi da destinare direttamente ai lavoratori per consentire loro e non all'azienda una libera scelta sulla propria pensione".

Il leader Matteo Salvini ribascie che "il ritorno alle legge Fornero è incompatibile con la realtà. Io e il presidente Draghi stiamo lavorando per tutelare il diritto al lavoro e alla pensione, l'importante è non tornare alla legge Fornero. Chiamarla Quota 100 o quota y non importa, quello che conta è che dal 1 gennaio tu non porti via 6-7 anni di vita ai lavoratori", dice. Il premier Mario Draghi ha confermato l'accantonament di Quota 100: "Io non sono affezionato ai nomi, mi interessa che nei contenuti dal 1 gennaio i lavoratori vedano tutelati i loro diritti", dice Salvini.

"Non mi interessano le etichette, mi interessa difendere lavoratori e pensionati ed evitare il ritorno alla legge Fornero. Ci stiamo lavorando con Draghi, partendo dalla tutela dei lavoratori precoci e dei dipendenti delle piccole imprese, troveremo sicuramente una soluzione positiva", afferma.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli