Manovra: Barelli, 'meno tasse grazie a Forza Italia'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 30 dic. (Adnkronos) – “La legge di Bilancio approvata dall’Aula di Montecitorio, sostenuta convintamente da Forza Italia, segna un netto passo in avanti rispetto alle esperienze passate. In linea ideale con i governi a guida Berlusconi, ripropone il nostro slogan più conosciuto: meno tasse per tutti. Infatti, da dopodomani commercianti e professionisti diranno addio all’Irap e le aliquote Irpef saranno ridotte con guadagni a chi ne ha più bisogno, ovvero le fasce medio-basse. Un risultato che, senza la determinazione di Forza Italia, gli italiani non avrebbero ottenuto". Lo afferma Paolo Barelli, capogruppo di Forza Italia alla Camera.

"Le donne e gli uomini di Forza Italia in Parlamento, ai quali va il mio ringraziamento, sono paladini di un fisco giusto, perché -spiega- solo un rapporto corretto tra Stato-esattore e cittadini può portare a una crescita sociale ed economica duratura. Rivendichiamo, inoltre, la paternità politica di altre due misure essenziali per la ‘pace sociale’ e lo sviluppo del nostro Paese: il posticipo di 6 mesi della scadenza delle cartelle esattoriali a partire dal 1° gennaio 2022 –al quale riteniamo debba seguire nei prossimi provvedimenti un netto intervento riguardante le scadenze del 2021-. Forza Italia, inoltre, ha preteso e ottenuto interventi a sostegno dell’edilizia con la proroga dei bonus che vedeva l’esclusione delle unità monofamiliari e il finanziamento a favore delle scuole paritarie".

"Per sminare il ‘caro-bollette’ -conclude Barelli- abbiamo chiesto al Governo che già da domani vengano varate ulteriori misure urgenti per arginare le conseguenze dell’aumento del costo delle bollette di luce e gas".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli