Manovra, Bernini (Fi): Di Maio alza il prezzo, Pd e Iv si inchinano

Pol-Afe

Roma, 3 nov. (askanews) - "Di Maio ha detto chiaro e tondo che sulla plastic-tax il Movimento Cinque Stelle non farà alcuna marcia indietro, per cui i presunti ripensamenti di Pd e Italia Viva rischiano di restare lettera morta, con danni gravissimi per l'economia italiana. A proposito: quando il consiglio dei ministri ha approvato tutte le tasse presenti nella manovra, dov'erano le delegazioni di Zingaretti e di Renzi? Poi, come se questo non bastasse, Di Maio oggi ha rilanciato uno dei suoi cavalli di battaglia ideologici: la chiusura domenicale degli esercizi commerciali, annunciando così l'indietro tutta sulle liberalizzazioni. Ma con il Paese in stagnazione, sarebbe un'autentica serrata contro l'Italia, una saracinesca che si chiude sui consumi e sull'occupazione. Come si può far ripartire i consumi adottando una misura recessiva che ci farebbe tornare indietro di vent'anni? Il Movimento sta dunque rilanciando tutti i suoi mantra ideologici della decrescita infelice, e Pd e renziani lo assecondano come i ladri di Pisa, che litigano di giorno e di notte si accordano sulle spalle degli italiani. Per cui, invece di chiudere i negozi sarebbe molto più utile chiudere il governo". Lo dichiara Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Forza Italia.