Manovra, Bonetti: assegno figli da gennaio, tra 80 e 160 euro

Red/Voz

Roma, 18 ott. (askanews) - Alla Leopolda organizzata dall'ex premier Matteo Renzi, la ministra alla Famiglia Elena Bonetti presenterà il "Family act". Un'anticipazione delle misure è contenuta in un'intervista oggi ad Avvenire: "Le famiglie - premette Bonetti - non sono un pezzo del Paese, un tema in competizione con altri per accaparrare le risorse disponibili. Sono la prima formazione sociale tutelata nella nostra Costituzione e devono rappresentare il luogo in cui avviene la sintesi della visione di Paese che abbiamo per il presente e per il futuro".

Il "cambio di paradigma", spiega Bonetti, deve coinvolgere tutti - imprese, sindacati, associazioni, istituzioni - ma inizia già con la manovra, a partire dai nidi gratis: "Sono previsti contributi da 1.500 euro annui per tutti a crescere fino ad arrivare, per i redditi medio-bassi, ai 3.000 euro. E, inoltre, risorse straordinarie per la costruzione di nuovi asili nido in tutto il Paese".

Quanto all'assegno unico per figlio, Bonetti assicura che non c'è alcun rinvio: "In questa manovra, già a partire da gennaio 2020, è previsto un assegno mensile per tutti i nuovi nati, con risorse aggiuntive rispetto a quelle sinora riconosciute alle famiglie. È un assegno per tutti che va modulato in base al reddito, dagli 80 ai 160 euro mensili, per 12 mesi.(Segue)