Manovra, Bottici: allo studio incentivi su pagamenti elettronici

Vep

Roma, 27 set. (askanews) - "Risultati concreti dalla lotta all'evasione passano senza dubbio da una diffusione dei pagamenti elettronici, carte di credito e bancomat. Lo abbiamo messo nel programma e lo sosteniamo convintamente. Per centrare l'obiettivo è necessario incentivare il ricorso a queste forma di pagamento agendo su due canali: un accordo con l'Abi per limitare al massimo il peso delle commissioni a carico degli esercenti, e un meccanismo di cashback per chi paga, ovvero un premio che può tradursi in un abbassamento dell'Iva". Lo comunica in una nota Laura Bottici, capogruppo M5S in Commissione Finanze del Senato.

"Dopodiché è anche necessario che l'Europa decida una volta per tutte di tassare adeguatamente tutte quelle multinazionali che, a forza di accordi su misura, ancora oggi pagano pochi spiccioli grazie all'atteggiamento a dir poco morbido di Paesi europei che portano avanti una concorrenza fiscale sleale: concorrenza che determina inaccettabili disparità di trattamento. A dirlo non siamo noi, ma da anni lo stesso Parlamento europeo", conclude.