Manovra, Brunetta: governo condanna Italia a stagnazione permanente

Pol/Vlm

Roma, 19 ott. (askanews) - "E' solo grazie alla severità del clima macroeconomico attuale e agli acquisti della Bce che i nostri rendimenti e lo spread si mantengono su livelli bassissimi. Ma si tratta di una situazione che non può durare certamente nel lungo termine. Anche perché, le altre economie europee si riprenderanno più rapidamente di quella italiana. E la nuova presidenza Lagarde ha già annunciato di non essere affatto disposta a studiare una politica monetaria su misura di un paese cicala come l'Italia". Lo scrive in una nota Renato Brunetta, deputato e responsabile economico di Forza Italia.

"Il Governo è, infatti, riuscito a fare l'esatto contrario di ciò che andava fatto: ridurre il deficit e quindi il debito e abbassare le tasse. Una strategia auspicata anche dal governatore Mario Draghi e rilanciata dal Fondo Monetario Internazionale, che ha ricordato ieri apertamente che il debito italiano è troppo alto e occorre che l'Italia faccia al più presto le riforme strutturali necessarie. Il Governo PD-M5S sta condannando gli italiani ad una stagnazione permanente. Se l'economia va male, come in questo momento, è vero che il Quantitative Easing aiuta ma le condizioni degli italiani non migliorano di certo", conclude.