Manovra, Brunetta: Iva sterilizzata ma salasso per il futuro

Pol-Afe

Roma, 17 dic. (askanews) - "Per i prossimi anni l'eredità di questa Legge di Bilancio è pesante. Sterilizzate le clausole di salvaguardia per il 2020 (in deficit), è bene ricordare il salasso che ci aspetta per il 2021 e il 2022. Per il 2021, infatti, il Governo dovrà sterilizzare 20,124 miliardi di altre clausole, tra Iva e aumento di accise, che aumentano addirittura a 27 miliardi nel 2022. Non sono opinioni dell'opposizione ma stime che si leggono nella relazione tecnica della manovra, scritte quindi dal Governo stesso. E, questa volta, il Governo non potrà accusare quelli precedenti, dal momento che prima delle sue scelte, la manovra riduceva le clausole ereditate di circa 10 miliardi nel 2021 (si partiva da 28,753) e di circa 3 miliardi nel 2022. Nel 2021 dovranno quindi essere tolti 18,903 miliardi di aumento dell'Iva e 1,221 miliardi per quello delle accise". Lo scrive in una nota Renato Brunetta, deputato e responsabile economico di Forza Italia.

"Facciamo davvero gli auguri - aggiunge - a questo esecutivo per trovare le risorse necessarie ad evitare l'aumento della tassazione indiretta previsto a legislazione vigente ma, in pratica, abbiamo già capito che anche l'anno prossimo il Governo non avrà alcun margine per tagliare le tasse. La stagnazione economica nella quale l'Italia si trova già da diversi anni è destinata a proseguire".