Manovra, Calderoli: aumento cedolare secca favrorirà il nero

Pol/Gal

Roma, 16 ott. (askanews) - "Siamo oltre la decenza, oltre l'incompetenza. Premettendo che la bozza di manovra partorita nella notte insonne dal Governo è sostanzialmente carta buona solo per avvolgere il prosciutto, dato che ogni misura è legata alla specifica del salvo diverse intese, come dire che tutto può cambiare, ma detto questo è inconcepibile prevedere di aumentare l'aliquota della cedolare secca sugli affitti abitativi a canone calmierato dal 10% attuale al 12,5%. E meno male che non volevano alzare le tasse agli italiani: e questo non è un aumento della pressione fiscale?". Lo dichiara il sen. Roberto Calderoli, vice presidente del Senato.

"Sono stato io dieci anni fa da ministro per l'anno Semplificazione a introdurre la cedolare secca, era una misura che avevamo previsto per combattere il nero e abbassare l'evasione è ha funzionato, così invece, aumentandola del 25%, ovviamente favorirà il nero: ma è così che i dilettanti allo sbaraglio di Palazzo Chigi vogliono contrastare l'evasione? Vadano a casa, questi sono peggio persino di Monti e della Fornero!", conclude Calderoli.