No tasse in più e taglio cuneo, Di Maio fa il punto su manovra

webinfo@adnkronos.com

dall'inviata Ileana SciarraTaglio del cuneo fiscale e salario minimo in legge di bilancio. Nessuna sorpresa sul fronte tasse, sulla scia del balzello sulle schede sim che ha agitato le acque della maggioranza: non dovranno esserci aumenti. Riduzione del cuneo fiscale per le imprese, misura che in qualche modo dovrà essere legata al salario minimo. E carcere per i grandi evasori, in presenza di reato grave e conclamato. A quanto si apprende, sono questi i punti nevralgici sui quali il M5S batterà con l’alleato di governo sulla manovra.  

Luigi Di Maio ha riunito i ministri grillini in un hotel a due passi dalla fiera d’Oltremare, a Napoli, dove è in scena la seconda giornata di Italia 5 Stelle. Obiettivo fare il punto sulla legge di bilancio che entro martedì dovrà essere varata dal Cdm. Il carcere per i grandi evasori, viene spiegato da fonti pentastellate, al momento dovrebbe restare nel dl fiscale. Ma se anche dovesse essere stralciato dal testo, per i 5 stelle è una misura da realizzare in tempi stringenti.Sembra inoltre, al momento, confermato il vertice sulla manovra che dovrebbe tenersi alle 22 a Palazzo Chigi. Nel pomeriggio, a quanto apprende l'AdnKronos, il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri riunirà alle 16 i viceministri Laura Castelli e Antonio Misiani e i tecnici per mettere a punto i dettagli della legge di bilancio e del dl fiscale. In serata, il vertice di maggioranza.