Manovra economica 2020, Conte: “Trovate risorse, no aumento dell’Iva”

manovra economica 2020 iva

All’uscita da Palazzo Chigi, il premier Giuseppe Conte ha rassicurato i cittadini: la manovra economica 2020 non porterà a un aumento dell’Iva. “Sull’Iva c’è un equivoco: lavoriamo per ridurla, non per aumentarla. Abbiamo trovato i 23 miliardi“. L’obiettivo è “addirittura abbassarla, per portare le bollette dal 10% al 5%, affinché le famiglie meno abbienti posano comprare pane, frutta fresca e latte con l’Iva all’1% anziché al 4%”.

Manovra economica 2020

Come ha ricordato anche Matteo Renzi con un post su Facebook, il governo Conte bis è nato con l’obiettivo di varare la manovra economica 2020 evitando l’aumento dell’Iva. Ma “non mi posso accontentare solo di sterilizzare l’Iva”, ha commentato il premier al termine di un nuovo vertice a Palazzo Chigi, dopo il nulla di fatto dell’incontro notturno con il ministro dell’Economia Gualtieri e i capi delegazione dei partiti di governo.

“Sono andato in Parlamento per perseguire l’evasione, realizzare la modernizzazione, la digitalizzazione e far volare l’Italia”, ha continuato il presidente del Consiglio. “Stiamo lavorando a un piano per raggiungere gli obiettivi, lasciateci qualche giorno di tempo. Non sono il mediatore, sono il riformatore del Paese”. Per la lotta all’evasione, si discute di come “valorizzare metodi di pagamento alternativi al contante, dando la possibilità di accedere a mezzi come carte di credito a zero, quindi senza commissioni”. Tra gli obiettivi del governo giallorosso c’è anche quello di “dare più soldi in busta paga ai lavoratori dipendenti. Per questo è giusto il taglio del cuneo fiscale in questa congiuntura, l’abbiamo scritto nel nostro programma di governo”.