**Manovra: Ferrari (Pd), 'incomprensibile no su Errani, M5S predica bene e razzola male…'** (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Oggi i 5 Stelle smentiscono il senatore dem Zanda, dicono che nessuno ha mai garantito che il relatore sarebbe stato Errani. Quindi non c'era già nessun accordo? "La proposta Errani era stata fatta informalmente nei colloqui tra le forze di centrosinistra e i 5 Stelle. Una proposta che teneva conto del fatto che Errani è innanzitutto una personalità di grande autorevolezza ed inoltre, visto la scorsa legge di bilancio i relatori sono stati Stefano del Pd e Accoto dei 5 Stelle, era ragionevole pensare a una figura che potesse garantire tutti nel centrosinistra e nei 5 Stelle".

Ma i 5 Stelle vogliono un loro relatore, si sentono sottorappresentati? "Il presidente della commissione Bilancio, Pesco, è M5S e non esiste un momento di lavoro sulla manovra in cui con il governo e i relatori non ci sia anche il presidente della commissione Bilancio". Lo schema attorno a cui si è lavorato, osserva Ferrari, "mi sembra sia una rappresentazione molto efficace della eterogeneità della maggioranza. Devo dire che davamo per scontato che nei 5 Stelle valutando la figura di cui avevamo discusso, Errani appunto, non si ponessero problemi. Si predica bene e si razzola male…".

Ma cosa sta succedendo? Come vi spiegate questo irrigidimento, c'entra a storia delle nomine Rai o altro? "Non mi do alcuna spiegazione, lascio aperta la domanda. Pesco si è riservato di fare un'ulteriore valutazione ma da senatore del centrosinistra sarei un po' dispiaciuto se i 5 Stelle non si considerassero dentro una scelta comune. Anche perché pure Italia Viva e Autonomie sono sulla proposta Errani".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli