Manovra, Fioramonti: impegno è per maggiori fondi all'istruzione

Red/Nes

Roma, 23 nov. (askanews) - "L'investimento sulla scuola è un investimento di civiltà fondamentale. Questo Paese per troppi anni ha investito poco o quasi niente e anzi ha tagliato su scuola, formazione, università e ricerca. Intendo fare questa battaglia per il Paese e non la vedo come una battaglia di bandiera, non è una battaglia del M5S, del PD o di Leu o Italia Viva. È una battaglia per il futuro di tutti noi". Lo ha detto il ministro dell'Istruzione Lorenzo Fioramonti a "L'Intervista" di Maria Latella su Sky TG24 rispondendo a una domanda sui fondi per il suo ministero all'interno della Manovra.

"Per questo motivo - ha continuato il ministro - dal primo giorno mi sono impegnato per evitare che, come in passato, si facessero dei tagli sull'istruzione e sulla scuola e ci sono riuscito. Poi dal secondo giorno ho cominciato a dire che servono più soldi con un obiettivo di tre miliardi e ogni settimana ho acquisito qualche centinaia di milioni in più. Stiamo garantendo più fondi per il diritto allo studio universitario, quindi le borse di studio, più fondi per il sostegno nelle scuole. Stiamo cercando di ottenere altri risultati per la ricerca e l'università, che altrimenti andranno in grosse difficoltà a partire dal prossimo anno perché aumentano i salari. Poi sto lavorando anche per aumentare lo stipendio dei nostri insegnanti che sono i meno pagati in Europa".