Manovra, Fioramonti: risorse per istruzione ancora insufficienti

Manovra, Fioramonti: risorse per istruzione ancora insufficienti

Roma, 4 nov. (askanews) – Più risorse per la ricerca, l’istruzione e l’Università. A chiederle con forza è il ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, a margine della presentazione del Social Sciences Universities Network alla Luiss di Roma.

“Sul bilancio in questo momento non ci sono novità. La Legge di bilancio tuttavia è in continua evoluzione e io continuo la mia battaglia per maggiori risorse per il settore. L’ho detto in tutti i modi, dobbiamo fare di più, deve essere una manovra più coraggiosa. Al momento le risorse destinate al comparto della scuola sono insufficienti”.

Sul concorso straordinario per i docenti, il ministro ha spiegato l’iter: “Il decreto è stato firmato la settimana scorsa dal presidente della Repubblica e noi siamo già pronti per proseguire l’iter. È un decreto e in quanto tale entra in vigore subito. Era una misura urgente e siamo pronti affinché il concorso straordinario si possa espletare nel minor tempo possibile, per avere forse più di 24 mila docenti di ruolo a partire dal 1 settembre del 2020”. Lo ha detto il ministro dell’Istruzione Fioramonti a margine di un incontro alla Luiss sulla tempistica del concorso per docenti.

“Dobbiamo arrivare entro giugno ad avere gli insegnanti di ruolo in modo che possano iniziare da settembre – ha aggiunto – Parliamo del concorso straordinario, quello ordinario parallelo sarà più lungo perché prevede una serie di prove aggiuntive e si riferisce a una platea molto più ampia”.