Manovra, Lega: governo nemico giurato dei piccoli comuni

Red/Mda

Milano, 22 dic. (askanews) - "Il governo delle tasse e delle manette si è dichiarato nemico giurato dei piccoli comuni". Così i deputati della Lega Arianna Lazzarini, prima firmataria dell'emendamento bocciato e consigliera nazionale Anci, e Massimo Garavaglia, già viceministro dell'Economia e Finanze. "La bocciatura del nostro emendamento alla legge di bilancio per riassegnare - a quelli sotto i 20mila abitanti - i 400 milioni di contributi da investire sulla messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici, patrimonio comunale e sul contrasto alla Xylella ne è la conferma più evidente. Grazie a Matteo Salvini - si legge in una nota - con la Lega al governo queste risorse erano infatti state appositamente individuate e inserite nella Manovra dell'anno scorso a favore dei piccoli comuni dando così la possibilità di sistemare tante opere, avviare nuovi cantieri e quindi creare nuovi posti di lavoro. Il governo giallorosso, invece, fa il gioco delle tre carte: da una parte aumenta il fondo di 100 milioni annui, ma dall'altra lo estende anche ai comuni sopra i 20mila abitanti. Risultato: sotto l'albero di Natale dei piccoli comuni resteranno solo le briciole".