Manovra, Marrocco (Fi): furia tassatrice da stato etico

Pol/Bac

Roma, 23 set. (askanews) - "Ci ha messo poco il governo più a sinistra della storia a gettare la maschera e rivelare la propria natura. Niente di cui sorprendersi, visto che - come preventivato - siamo nel solco della migliore tradizione della sinistra di governo, quella di 'anche i ricchi piangano' e 'le tasse sono bellissime'". Lo afferma la deputata Patrizia Marrocco di Forza Italia.

"Infatti - continua - per evitare l'aumento dell'Iva, mantenere le disastrose riforme grilline come il reddito di cittadinanza e tutte le altre promesse fatte in sede di formazione del governo, adesso pensano - tra un conferma e una smentita - di trovare i soldi tassando qualsiasi cosa: le merendine, le bevande gassate, i biglietti aerei, i soldi prelevati al bancomat. Minitasse da Stato etico che graveranno in maniera subdola e ancora di più nelle tasche dei consumatori".

"Ci troviamo di fronte a una furia tassatrice dettata dalla disperazione di dover trovare qua e là, e al più presto, quante più risorse possibili, senza alcun piano per il rilancio dell'economia italiana che può passare, invece, soltanto attraverso una riduzione seria delle tasse a carico dei cittadini", conclude Marrocco.