Manovra: Meloni, 'a Draghi contestavo non aver speso 8mld su taglio cuneo'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 22 nov. (Adnkronos) – Al governo Draghi rimproverava un taglio del cuneo al 2% irrilevante e oggi incorre nello stesso errore? "Non sono incorsa o incappata nello stesso errore. Quello che contestai al governo Draghi era di non aver speso gli 8 mld per anticipare la riforma fiscale ma di aver scelto di metterli sull'Irpef perché pensavo avrebbero reso meno. Noi abbiamo fatto una scelta diversa, quindi siamo rimasti coerenti con gli impegni presi: ci siamo dati come obiettivo di legislatura un taglio fino al 5% per i redditi fino ai 35mila euro e andiamo in quella direzione". Lo afferma, rispondendo alle domande dei cronisti, il premier Giorgia Meloni in conferenza stampa.

"Se oggi non avessimo avuto il problema delle bollette, avremmo fatto un intervento più significativo sul cuneo", ma "a me pare che il segnale sia stato chiaro. Dopodiché la platea di chi percepisce un reddito di 35mila o 20 mila euro non è così ristretto", ma l'iniziativa del precedente governo "io non la contestavo affatto. La prima cosa che ci siamo detti con Giorgetti è 'va confermata e aumentata'".