Manovra: Mulè (FI), 'al lavoro contro caro prezzi e sterilizzazione plastic e sugar tax'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 9 nov (Adnkronos) – "I provvedimenti economici di cui discuteremo derivano da un programma che c’è e che va attuato nella consapevolezza che il momento richiede di dare risorse nella stragrande maggioranza per affrontare il caro bollette e il caro prezzi ma ci sono dei punti irrinunciabili, non tanto per Forza Italia ma per tutto il centro destra, a cominciare dalla sterilizzazione di alcune tasse: la plastica tax e la sugar tax che dovrebbero entrare in vigore dal 1 gennaio 2023 e questo non è possibile perché significherebbe un aggravio per i consumatori costretti a pagare tra i 100 e i 150 euro in più all’anno per fare fronte all’eventuale introduzione di queste tasse che il centro destra ha sempre avversato". Lo ha detto il vicepresidente della Camera Giorgio Mulè, intervistato da Rainews 24.

"Inoltre, bisogna iniziare a fare qualcosa per le pensioni minime per raggiungere, nell’arco della legislatura, i famosi 1000 euro che abbiamo promesso. Bisogna agire sulla flat tax per autonomie partite iva allargando la forbice tra gli 80mila e i 100mila euro. Di cose da fare ne abbiamo, alcune sono onerose e altre non lo sono ma devono dare il segnale che questo governo di centrodestra è diverso da tutto ciò che c’è stato prima”, ha spiegato.

"Per la plastic tax e la sugar tax bisogna trovare le risorse, che ammontano a circa 600 milioni, o con risparmi di spesa o con la riallocazione di poste di bilancio esistenti. La flat tax incrementale ha un grande impatto sui consumi e quindi ha un effetto positivo anche in termini di entrate Iva e fiscali e questo fa bene all’economia. Si tratta di questioni al centro del governo e della maggioranza”, ha detto ancora Mulè.