Manovra, ok Commissione Camera, Fi-Lega-Fdi abbandonano lavori

Pol/Luc

Roma, 21 dic. (askanews) - La commissione Bilancio della Camera ha approvato senza modifiche la manovra. Sono stati respinti tutti gli emendamenti quindi il testo andrà in aula alla Camera domani senza modifiche. Le opposizioni hanno abbandonato i lavori per protesta contro il parere negativo del governo a tutte le proposte di modifica.

"La farsa del governo sulla manovra sta giungendo alle battute finali. Il viceministro all'Economia, Antonio Misiani, conformandosi al relatore, ha dato parere contrario a tutti gli emendamenti presentati alla legge di bilancio e la maggioranza ha votato il mandato a riferire in Aula al relatore. Una messa in scena, iniziata con la decisione di chiudere e blindare il testo in prima lettura a Palazzo Madama, il cui ultimo atto sarà celebrato domani con la richiesta di fiducia da parte dell'esecutivo. Non è accettabile ridurre il Parlamento a mero passacarte del governo sulla legge più importante cui le Camere sono chiamate a pronunciarsi, quella che determinerà le scelte di politica economica del Paese per il prossimo triennio. E' inconcepibile impedire ai deputati, tanto di maggioranza che di opposizione, di incidere fattivamente per migliorare una legge di bilancio, così com'è, tutta tasse e manette. Forza Italia, quindi, non si presterà a questa farsa e, per manifestare tutto il proprio disappunto rispetto sia al metodo che al merito di questa manovra, abbandonerà i lavori della commissione Bilancio.Siamo dinanzi a un monocameralismo di fatto che limita gravemente il ruolo del Parlamento e, dunque, lede il principio della rappresentatività", affermano, in una nota, i deputati di Forza Italia in commissione Bilancio alla Camera, Andrea Mandelli (capogruppo), Stefania Prestigiacomo (vicepresidente), Francesco Cannizzaro, Mauro D'Attis, Maurizio D'Ettore, Roberto Occhiuto, Roberto Pella e Paolo Russo.

"Parere contrario su tutti gli emendamenti, legge di bilancio blindata, lavoro dei deputati inutile, abbandoniamo l'aula del 'Mappamondo' per sottolineare il funerale alla democrazia celebrato da una maggioranza che ha giustificato la nascita di un governo inviso agli italiani appellandosi alla democrazia parlamentare. Quella stessa cui oggi hanno fatto il funerale", afferma Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

"I relatori di maggioranza della legge di Bilancio - dichiara il capogruppo della Lega in commissione Bilancio alla Camera Giuseppe Bellachioma - respingono, in blocco, tutti gli emendamenti della Lega e dei partiti di opposizione. Il governo, con imbarazzo, conferma la decisione accampando la scusa della mancanza di tempo. Quella a cui stiamo assistendo è una pagina vergognosa nella storia del parlamento italiano. Un governo in confusione totale e incapace, che mina le fondamenta della democrazia e della rappresenta istituzionale della Camera dei deputati. Elezioni subito: è l'unica strada per mandare a casa un governo che non rappresenta gli italiani e si fa beffe del parlamento".

Il testo arriverà in aula domani. Il governo porrà la questione di fiducia.