Manovra, Pd:dà impulso a economia, rischiava di incepparsi su Iva

Rea

Roma, 16 ott. (askanews) - "Rimettere in moto la macchina dello sviluppo, spingendo l'acceleratore su investimenti pubblici e privati. L'obiettivo di questa manovra è proprio questo: dare un impulso positivo al nostro sistema economico che invece rischiava di incepparsi con l'aumento dell'Iva". Così in una nota Pietro Bussolati della segreteria nazionale Pd, che ricorda come sull'Italia "pesava la clausola di salvaguardia più alta di sempre (23 miliardi nel 2020 e 29 miliardi dal 2021)". Con il varo della manovra "l'obiettivo è stato raggiunto: l'Iva non è aumentata".

Anzi, rivendica Bussolati, "più di 50 miliardi verranno dedicati a rendere il nostro Paese sempre più green grazie a sviluppo sostenibile e infrastrutture sociali. Inoltre, vengono riconfermati gli incentivi per il piano di industria 4.0, per sostenere gli investimenti nel rinnovo dei sistemi produttivi attraverso un fondo per le piccole e medie imprese, il super e iper ammortamento per beni tecnologici e software, e un credito d'imposta per la 'formazione 4.0' da parte delle aziende. Si riducono già dal 2020 le tasse a carico dei lavoratori dipendenti, aumentando le buste paga, avviando così un percorso di diminuzione strutturale della pressione fiscale sul lavoro e di riforma complessiva del regime Irpef per tutti i lavoratori dipendenti. Sempre per il 2020 viene introdotta anche una detrazione per la ristrutturazione delle facciate esterne degli edifici (il cosiddetto 'bonus facciate') per dare un nuovo volto alle nostre città".

Insomma, conclude Bussolati, "siamo molto orgogliosi del testo che contiene provvedimenti per il lavoro, l'ambiente, gli investimenti, la famiglia e la disabilità. L'intenzione è di puntare molto sulla lotta all'evasione fiscale e sul recupero del sommerso rendendo possibile reperire quelle risorse da dedicare alle famiglie e ai redditi medi e bassi".