Manovra, Speranza: da 1 settembre non si pagherà più superticket

Pol/Gal

Roma, 23 ott. (askanews) - "Si chiude la stagione dei tagli alla sanità. Ci saranno 2 miliardi in più per il fondo nazionale della sanità. L'aumento del fondo sarà del 1,7%, il doppio rispetto agli anni precedenti. E tutto questo soldi si tradurranno in soldi per il personale e per abbattere le liste d'attesa. C'è poi il piano dell'edilizia sanitaria e c'è infatti un piano per l'innovazione tecnologica. Da ultimo, dal 1 settembre in Italia nessuno pagherà più il super ticket. Tutti i cittadini che fino ad oggi hanno pagato 10 euro in più per accedere al servizio sanitario nazionale non li pagheranno più. Si cureranno più persone e si cureranno meglio". Così, Roberto Speranza, ministro della Salute, ai microfoni di Giorgio Zanchini a Radio anch'io (Rai Radio1).

In merito alle aggressioni ai danni degli operatori sanitari: "Dobbiamo tutelare gli operatori sanitari. Uno Stato serio si cura di chi si prende cura di noi. C'è già una legge che si sta discutendo in Parlamento. Bisogna approvarla nel più breve. C'è inoltre un Osservatorio per monitorare la situazione e trovare soluzioni".