Manovra, stop aumento dell’Iva: dal 2020 nuove tasse in arrivo

manovra

La Manovra approvata dal governo ha sterilizzato definitivamente gli aumenti dell’imposta sul valore aggiunto per il 2020 per un importo complessivo di 23,1 miliardi. Contestualmente è stato anche ridotta la cifra per gli anni successivi, ma i numeri del Def fanno comprendere che anche chi si troverà a progettare la prossima legge di bilancio dovrà fare i conti con un altro handicap, anche se meno pesante di quello affrontato quest’anno.

Manovra, stop aumento dell’Iva

Nel 2020 i 23 miliardi di Iva rappresentano il 90% del complessivo calo della tassazione che vale 26,4 miliardi e includono anche il superticket, che di per sè non è un’imposta: la sua cancellazione da settembre 2020 costa 170 milioni, che dovranno diventare, a regime, poco meno di 500. L’altra voce di riduzione prevede i 3 miliardi di taglio del cuneo fiscale per i lavoratori dipendenti, operazione ancora tutta da definire. Per gli agricoltori, poi, è confermato l’azzeramento dell’Irpef. Sull’altro piatto della bilancia ci sono poi gli 11 miliardi di incremento di tasse e contributi: chi pagherà il conto?

Le altre tasse

Un ruolo centrale ce l’avranno le tasse ambientali: tasse sulla plastica, eliminazione dei benefici per i camion e i pullman ritenuti inquinanti e stretta sulle auto aziendali più vecchie. Importanti saranno poi anche le strette sul settore giochi e su quello bancario: nel primo caso il contributo previsto è di 560 milioni e sarà quasi sicuramente ottenuto attraverso l’aumento del prelievo erariale. Per le banche invece si lavorerà sulle deducibilità di svalutazioni e avviamento: il conto complessivo sarà di 1,6 milioni che riguardano però il solo anno 2020.