Manovra, Tesoro a M5s: no emendamenti per indebolire incentivi su fusioni bancarie

·1 minuto per la lettura

ROMA (Reuters) - Il Tesoro ha chiarito ai deputati del Movimento 5 stelle che non intende avallare gli emendamenti alla manovra per ridurre gli incentivi alle aggregazioni societarie, pensati soprattutto con lo scopo di facilitare la privatizzazione di Banca Monte dei Paschi di Siena.

Diversi deputati cinque stelle spiegano infatti che ieri, in una riunione di maggioranza, il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri ha espresso la sua contrarietà a tentativi di ridurre i benefici della misura, che per Mps e il suo compratore hanno un valore di circa 2,4 miliardi di euro.

Il Tesoro ha aperto solo ad una parziale riformulazione della norma che, senza modificarne la sostanza, pone le basi per un maggior coinvolgimento del Parlamento nel caso di aggregazioni societarie che sfruttino gli incentivi.

La commissione Bilancio approverà la manovra in settimana.

(Giuseppe Fonte, in redazione a Milano Sabina Suzzi)