Manovra, Toti: sbagliato combattere evasione con toni giacobini

Fos

Genova, 10 ott. (askanews) - "Una sola cosa viene sottolineata dai partiti di maggioranza e dal governo a proposito di una Finanziaria ancora assai confusa: ci sarà una guerra senza quartiere all'evasione fiscale, con tanto di tintinnar di manette, gogne, arresti. Ora combattere l'evasione è un dovere morale, ma l'ultima volta che un governo ha usato questi toni giacobini e manettari abbiamo pagato un prezzo assai alto: era il governo Monti, quello dei blitz della Guardia di Finanza nelle località di villeggiatura, quello della guerra senza quartiere ai proprietari di una barca, quello degli occhiuti controlli sugli acquisti". Lo scrive su Facebook il governatore della Liguria e leader di Cambiamo, Giovanni Toti.

"Il risultato - sottolinea Toti - fu: soldi in fuga all'estero, consumi in picchiata e commercianti sul lastrico, interi settori produttivi in ginocchio come quello della nautica da diporto che invece oggi cresce a doppia cifra e dà lavoro a migliaia di persone. Occhio a trattare tutti gli italiani come ladri. L'unico modo per far pagare le tasse è diminuirle, semplificarl e permettere di scaricare dalla denuncia dei redditi le spese sostenute. Solo così - conclude il leader di Cambiamo - si aumenta il gettito fiscale senza distruggere l'economia".