Mantova, M5s: fatti gravissimi, ora modello "budget-salute"

Mda

Milano, 22 dic. (askanews) - "I gravi fatti di Mantova oltre a scandalizzarci da esseri umani e da cittadini, pur attendendo l'evoluzione dell'indagine per esprimerci sul fatto specifico, devono farci riflettere sull'urgenza di affrontare il tema della presa in carico delle persone disabili in modo totalmente nuovo. Non possiamo far finta di niente e aspettare il prossimo scandalo. Serve un approccio innovativo e il modello dei budget di salute è una risposta chiara ed efficace", lo dichiarano i deputati Alberto Zolezzi, Celeste D'Arrando, Fabiola Bologna e Stefania Mammì.

"La proposta di legge a prima firma D'Arrando sarà presto discussa in Commissione Affari Sociali e auspichiamo che il Parlamento sia compatto nel votarla in tempi rapidi. L'istituzionalizzazione delle persone non autosufficienti non è una risposta sostenibile ed è contraria al modello di cura previsto dalla legge Basaglia che oltre 40 anni fa ha superato la logica dei manicomi. Le persone semplicemente rinchiuse, parcheggiate in case di cura senza un progetto terapeutico personalizzato, smettono di essere individui e questo nel 2020 non può essere tollerato. Il budget di salute punta al reinserimento sociale e lavorativo, cambia finalmente la prospettiva delle famiglie, semplifica la burocrazia e arricchisce la società perché rovescia i pregiudizi sui disabili come 'peso' oltre a prevenire il rischio di degrado amministrativo e clinico. Cambiamo veramente le cose, si può fare!", hanno concluso i deputati del MoVimento 5 Stelle.