Mantovani: "Vaccino anti-Covid? Va detto grazie alla ricerca su quello contro il cancro"

·Contributor HuffPost Italia
·2 minuto per la lettura
Alberto Mantovani (Photo: ansa)
Alberto Mantovani (Photo: ansa)

“Con l’arrivo del Covid-19, tutti abbiamo messo in campo le nostre competenze. L’esempio più interessante è quello dei vaccini a mRna. Ma sono allo studio da almeno una ventina di anni come arma contro i tumori. Il pioniere di queste ricerche è Christoph Huber (oncologo a Mainz, Germania, ndr), il ‘padre nobile’ dei due ricercatori tedeschi di origine turca, Ugur Sahin e la moglie Ozlem Tureci, che hanno fondato BioNTech e hanno messo a punto il vaccino a mRna anti Covid... Se siamo riusciti ad affrontare questa pandemia è perché abbiamo investito nella ricerca sul cancro”. Lo afferma Alberto Mantovani, direttore scientifico e presidente della Fondazione Humanitas, in un’intervista al quotidiano il Corriere della Sera.

Lo scienziato prosegue affermando che occorre fare una distinzione tra vaccini ‘preventivi’, che evitano la comparsa della malattia (come quelli anti Covid) e quelli ‘curativi’ che potrebbero in futuro aiutare a combattere il cancro. Mantovani spiega che ce ne sono due:

“Uno è quello anti epatite B, che ha ridotto drasticamente l’incidenza di tumori al fegato. L’altro è quello contro il Papilloma virus, responsabile di tumori della cervice uterina, ma anche di altri tumori, alla gola, per esempio, che interessano anche i maschi”.

Sono almeno tre gli approcci da valutare, sempre grazie alla tecnologia dell’mRna, afferma Mantovani:

“La prima. Identifico mutazioni del Dna del tumore, in un singolo paziente, e costruisco un vaccino capace di contrastare queste mutazioni. È una terapia superpersonalizzata. La seconda: il problema, qui, è trovare un minimo comune denominatore, cioè mutazioni comuni in vari tipi di tumore e costruire un vaccino capace di intercettarle. È un approccio più ampio. E si sta sperimentando nel melanoma. Terzo: si tratta di combinare varie terapi...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli