Marattin: "Manovra sufficiente, merita 6+"

webinfo@adnkronos.com

"Un voto alla manovra? E' sufficiente, 6+... Poi ci sono 3 cose che devono cambiare...". Luigi Marattin, deputato e vicecapogruppo di Italia Viva alla Camera, risponde così alle domande dei conduttori di Un giorno da pecora. "Siamo al governo e abbiamo il vizio di dire come bisognerebbe spendere i soldi pubblici. Quando si decide qualcosa che secondo noi è sbagliata, lo diciamo senza paura", aggiunge. "Su Quota 100 diremo che buttare 22 miliardi nei prossimi 3 anni per accontentare 150-200.000 persone è uno spreco. Perderemo? Non si fanno solo le battaglie che si è sicuri di vincere. Si fanno le battaglie in cui si crede". 

"Paura del voto? Un politico che ha paura di andare alle elezioni deve cambiare mestiere. Noi pensiamo che le ragioni che ci hanno consigliato di non andare alle elezioni ad agosto siano valide ancora adesso -aggiunge-. E' consigliabile mettere a posto il sistema per poi votare. "Abbiamo in mano il governo? Non vogliamo fare i ricattatori". "Stiamo preparando gli emendamenti, abbiamo una quota di 60 emendamenti per il decreto fiscale e credo li useremo tutti -spiega-. Per quanto riguarda la legge di bilancio, la conferenza dei capigruppo deve ancora decidere".