Marco Cappato si è autodenunciato per il suicidio assistito di Elena

Marco Cappato
Marco Cappato

Marco Cappato, tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, si è autodenunciato nella caserma dei carabinieri di via Fosse Ardeatine, per il suicidio assistito di Elena.

Marco Cappato si autodenuncia per il suicidio assistito di Elena: cosa rischia

Marco Cappato, tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, questa mattina si è presentato nella caserma in via Fosse Ardeatine per la sua nuova battaglia civile che riguarda i malati terminali che non possono accedere al fine vita in Italia. “Come cinque anni fa nel caso di dj Fabo oggi sono tornato nella stessa caserma dei carabinieri del centro storico per autodenunciarmi per aver accompagnato Elena in Svizzera per il suicidio assistito” ha dichiarato. “Ho spiegato ai carabinieri che per le prossime persone che ce lo chiederanno, se saremo nelle condizioni di farlo, aiuteremo anche loro. Sarà poi compito della giustizia stabilire se questo è un reato o se c’è la reiterazione del reato. O se c’è discriminazione come noi riteniamo tra malati” ha dichiarato Cappato uscendo dalla caserma con la legale Filomena Gallo, segretario dell’associazione Coscioni.

Le dichiarazioni di Cappato

Ringrazio il marito e la figlia di Elena per la loro vicinanza all’associazione Luca Coscioni che rappresento e se ce ne sarà bisogno siamo pronti ad assistere altre persone che ne faranno richiesta” ha dichiarato Marco Cappato, che si è denunciato. I carabinieri apriranno un fascicolo da inviare in Procura, che deciderà se aprire un procedimento giudiziario a carico dell’uomo, come accaduto nel 2017 per il caso di dj Fabo. “Ancora oggi dobbiamo registrare l’insensibilità della politica su questo tema civile di grande importanza e che crea discrimine fra i malati terminali” ha aggiunto Cappato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli