Marcucci: “Se il Governo rischia è colpa di Di Battista, non di Renzi”

marcucci

Il capogruppo del Pd al Senato, Andrea Marcucci, ha avvisato il premier Giuseppe Conte e il ministro Luigi Di Maio sul rischio di tenuta del nuovo governo. “Il governo rischia di essere messo sotto scacco dalla furia di Di Battista e dall’area radicale del M5s” ha dichiarato. Inoltre, il presidente dem ha aggiunto: “Premier e Ministro degli Esteri tengano a bada i suoi deliri. Sembra pronto a fare di tutto per rompere l’attuale maggioranza”.

Marcucci, Governo a rischio

Andrea Marcucci è preoccupato per la tenuta del governo giallo rosso: il rischio, secondo il capogruppo Pd al Senato è Alessandro Di Battista, non Renzi. “Consiglierei al Premier Conte e al ministro Di Maio – ha precisato – di tenere a bada i deliri di Di Battista, che sembra pronto a fare di tutto per rompere l’attuale maggioranza parlamentare“. Poi Marcucci ha lanciato una frecciatina all’ex premier: “Chi nei giorni scorsi ha paventato rischi, nella realtà inesistenti, per la formazione del gruppo parlamentare ‘Italia Viva‘, stia invece attento a quello che succede nel M5s”.

Renzi ha sbagliato

All’assemblea del Pd, il capogruppo dem al Senato si è espresso con questi termini: “Io penso che il progetto originario del Pd sia ancora valido, e lo dico io che nel Pd sono uno dei pochi che viene dalla cultura laica. Ho detto al mio amico Renzi che ha fatto un errore, un errore legittimo ma un errore”. Infine, Marcucci ha ribadito la necessità di “continuare ad avere una relazione costruttiva con quello che sarà un nuovo gruppo. Per il futuro del governo serve mantenere un rapporto di confronto e di collaborazione“.