Mare e Coronavirus, come evitare rischi in spiaggia secondo l'Iss

Dopo mesi di lockdown, gli italiani sognano il mare e le vacanze. Ma quanti rischi si corrono in spiaggia? A rispondere è l'Istituto Superiore di Sanità che ha pubblicato il "rapporto sulle attività di balneazione in relazione alla diffusione del virus Sars-CoV-2”, in collaborazione con il Ministero della Salute, l'Inail, il Coordinamento di Prevenzione della Conferenza Stato Regioni, esperti delle Arpa e altre istituzioni. L'obiettivo è quello di alzare il livello di sicurezza ora che si avvicina la stagione balneare.

LE ULTIME NOTIZIE IN TEMPO REALE SUL CORONAVIRUS

I rischi in spiaggia

Secondo l'Iss, "con oltre 7mila km di costa e un numero elevato di aree di balneazione abitate da 17 milioni di persone, che possono anche raddoppiare in alta stagione, può diventare significativo il rischio riconducibile al turismo balneare". Negli stabilimenti infatti, diventano più frequenti affollamenti, spostamenti, occasioni di vicinanza e contatto sociale.

Fare il bagno in mare è rischioso?

E' rischioso fare il bagno al mare? "Assume scarsa rilevanza" il pericolo legato "alla potenziale contaminazione delle acque" da materiale infetto, si legge nel rapporto. Secondo l'Iss infatti, le misure di controllo e monitoraggio "applicate in base alla normativa vigente rendono trascurabile il rischio".

GUARDA ANCHE: Venezia, turisti a mollo nel Canal Grande

Sdraiarsi sul lettino è sicuro?

Il proprio asciugamano evita il contatto ma comunque i gestori sono tenuti a sanificare in modo regolare e frequente attrezzature (sedie, sdraio, lettini, incluse attrezzature galleggianti e natanti), materiali, oggetti e servizi igienici, limitando l'utilizzo di strutture (cabine docce singole, spogliatoi) per le quali non sia possibile assicurare una disinfezione intermedia tra gli utilizzi promiscui. Vietato l'uso promiscuo di qualsiasi attrezzatura da spiaggia.

Le linee guida

Tra le linee guida, c'è l'obbligo di prenotare l'accesso agli stabilimenti (anche online), eventualmente per fasce orarie, in modo da prevenire assembramenti, e registrare gli utenti, anche per rintracciare retrospettivamente eventuali contatti a seguito di contagi, mantenendo l'elenco delle presenze per un periodo di almeno 14 giorni, nel rispetto della normativa sulla privacy. Ai gestori viene poi raccomandato di utilizzare cartellonistica e locandine con le regole comportamentali comprensibili anche per utenti di altre nazionalità.

GUARDA ANCHE: In Svizzera l’hotel a cielo aperto

Le distanze (anche in acqua)

E' necessario regolamentare gli accessi e gli spostamenti sulle spiagge attraverso percorsi dedicati - si legge nel rapporto - e disponendo le attrezzature in modo da garantire in ogni circostanza il distanziamento interpersonale che deve essere di almeno un metro tra persone non appartenenti allo stesso nucleo familiare, in ogni circostanza, anche durante la balneazione. Inoltre, viene stabilito di controllare la temperatura corporea, quando possibile, del personale e dei bagnanti con interdizione di accesso se risulta superiore ai 37,5°C.

Niente feste né concerti

Nessuna festa in spiaggia. Sono vietate tutte le forme di aggregazione che possano creare assembramenti come attività di ballo, feste, eventi sociali, degustazioni a buffet. Sono vietati anche gli eventi musicali con la sola eccezione di quelli esclusivamente di "ascolto" con postazioni sedute che garantiscano il distanziamento interpersonale. I genitori dovranno controllare che i bambini stiano distanti tra loro e tutti sono tenuti ad indossare la mascherina quando le misure di distanziamento sono di difficile mantenimento.

Scopri @Yahooita, seguici anche su Instagram!

Spiagge libere

Più difficile il controllo nelle spiagge libere. Per questo, spiega l'Iss, "sono chiamati i sindaci e/o agli altri enti locali competenti a dover applicare ogni adeguata misura volta a garantire condizioni di riduzione dei rischi e, ove necessario, a definire attività di vigilanza sul rispetto delle misure da parte dei fruitori delle spiagge, a regolamentare gli accessi per consentire il distanziamento interpersonale, individuare le procedure di sanificazione delle attrezzature e delle aree comuni".

GUARDA ANCHE: Le regole per andare in vacanza