Mare, lago o montagna... l'importante è che si mangi

webinfo@adnkronos.com

Estate non è solo sinonimo di lettino e ombrellone. Sempre più spesso, durante il periodo di ferie, gli italiani vanno alla ricerca della bellezza dei nostri borghi, tra serenità e prelibatezze culinarie. Paesini che proprio in questo periodo aprono le porte per un'estate all'insegna del gusto con sagre ed eventi musicali e culturali. Eccone alcune tra le più famose:  

Sagra degli Umbrichelli, Monteleone d’Orvieto (TR) si racconta nel piatto (7/16 agosto) - Ogni estate, come per magia, un’intera comunità si ritrova intorno al proprio piatto più rappresentativo. La Sagra degli Umbrichelli di Monteleone d’Orvieto non è solo uno degli appuntamenti gastronomici più attesi in Umbria, ma rappresenta molto di più: è diventata il fulcro aggregante della “Rimpatriata”, la festa che dal lontano 1965 accoglie i paesani emigrati che qui tornano per trascorrere le ferie. Nel grazioso borgo medievale in provincia di Terni, l’appuntamento con la Sagra torna puntuale dal 7 al 16 agosto, con dieci serate all’insegna del gusto e dell’allegra condivisione delle tradizioni di una volta. 

Ma quanto è buono il “serpentone” di Marcetelli (10 agosto) - Un grande serpente si aggirerà fra i vicoli del più piccolo paese del Lazio. Ma non stiamo parlando del temuto rettile, bensì di un pacifico schieramento di appassionati dei sapori di una volta. Sabato 10 agosto torna a Marcetelli l’atteso appuntamento con il “Serpentone di Montagna”, il percorso enogastronomico nel centro storico del borgo a due passi dal Lago del Salto. 

A Casaprota (RI) l’estate si festeggia con le fettuccine ai funghi porcini (12/13 agosto) - Un tuffo nel cuore delle tradizioni più autentiche della Sabina, nelle fresche serate estive di questo tratto incontaminato del Lazio. Da oltre 40 anni, Casaprota propone un’irresistibile alternativa alle spiagge affollate! Uova, farina, funghi porcini e l’immancabile olio extravergine di oliva: saranno questi gli ingredienti con i quali le cuoche del posto chiameranno a raccolta i buongustai di tutto il Centro Italia. In programma il 12 e il 13 agosto, la Sagra delle fettuccine ai funghi porcini rappresenta l’evento più atteso dell’estate nel piccolo borgo reatino, appartenuto un tempo all’Abbazia di Farfa. 

Le note della musica blues animano i vicoli del borgo di La Thuile (AO) (16/17 agosto) - Le irresistibili note della musica blues risuonano nei vicoli e nelle piazze di uno dei borghi più belli della Valle d’Aosta! E’ partito il conto alla rovescia per la prima edizione del La Thuile Blues Festival, che il 16 e il 17 agosto animerà un luogo dal fascino magico, immerso in un territorio abitato nei secoli passati dai Celti, dai Salassi e dai Romani. Per due giorni consecutivi dalle ore 17 alle ore 20, dieci gruppi – tra cui i Blues Power e i Boj da Aosta e i Maiky Blues Band da Torino – si alterneranno lungo le strade del paese; alle 21 la festa si sposterà sul palco centrale, dove si esibiranno due tra le più quotate band d’Italia: i Blue Cat Blues da Potenza il 16 agosto e i Three Steps da Roma il giorno successivo. 

Le delizie di Castel di Tora (RI) si gustano sotto un cielo stellato (17 agosto) - Un cielo stellato che lascia senza fiato e un percorso gastronomico dedicato alle migliori delizie della Sabina. Il tutto all’interno di uno dei borghi più belli d’Italia, arroccato sulle rive del Lago del Turano in provincia di Rieti. E’ difficile, con questi “ingredienti”, resistere al richiamo di “Mangiando sotto le stelle”, che sabato 17 agosto tornerà ad animare il paese di Castel di Tora. Da un lato ci sarà un cielo stellato che lascia senza fiato, straordinariamente limpido e buio, nel quale si stagliano imponenti le costellazioni dello Zodiaco e la Via Lattea; e dall’altro un irresistibile tour culinario che prenderà il via alle 19, con le abili cuoche del posto pronte a deliziare anche i palati più esigenti. 

Di Mangialonga ve ne è una sola! Dal 1986 La Morra vi attende per il percorso più goloso delle Langhe (25 agosto) - Unica, storica e inimitabile. Di “mangialonghe” ce ne sono tante nella nostra Penisola, ma quella originale va in scena dal lontano 1986 a La Morra, piccola perla delle Langhe in cui si produce quel grande capolavoro di esperienza agricola, indole popolare e trionfo di sapore che è il Barolo. E così anche quest’anno, domenica 25 agosto, il paese in provincia di Cuneo tornerà a proporre la sua Mangialonga, quattro chilometri all’insegna del gusto e delle tradizioni da percorrere tra vigneti patrimonio dell'Unesco. Barolo, Nebbiolo, Barbera e Moscato saranno il nettare di Bacco che ristorerà i “passeggiatori”, insieme alle prelibatezze culinarie proposte dai produttori locali.  

'Rajche', Subiaco (RM) riscopre le sue radici tra musica e cucina (23/25 agosto) - Dalla musica all’arte, dall’artigianato fino all’enogastronomia, la città dei monasteri in provincia di Roma è pronta a svelare le sue radici più profonde. O meglio le “rajche”, come si dice nel dialetto di Subiaco, che da sempre difende la sua cultura appenninica, agricola e pastorale di fronte all’avanzare inesorabile della modernità. L’appuntamento con “Rajche, radici in comune”, torna puntuale dal 23 al 25 agosto: tra poesie, stornelli, canti popolari e deliziose ricette, l’evento permetterà ai visitatori di sentirsi sublacensi per tre giorni all’ombra della Rocca Abbaziale che fu dimora dei Barberini, dei Colonna e di Lucrezia Borgia, tra i vicoli di uno dei paesi più suggestivi del Lazio. 

Fiera Nazionale del peperone di Carmagnola (30 agosto - 8 settembre) - Settant’anni di festa in onore della specialità più famosa di un intero territorio. Raggiunge questo prestigioso traguardo la Fiera Nazionale del Peperone di Carmagnola, la più grande Fiera italiana dedicata a un prodotto agricolo, in programma dal 30 agosto all’8 settembre nel centro alle porte di Torino: ad attendere i visitatori dieci giorni di eventi gastronomici, culturali, artistici, sportivi ed esperienze creative e coinvolgenti per tutti i sensi e per tutte le età. 

Tartufo e cioccolato a Subiaco (21, 22, 28 e 29 settembre) - Anche quest’anno la Rocca Abbaziale di Subiaco è pronta a ospitare l’evento dedicato a due grandi eccellenze gastronomiche. “Tartufo e cioccolato”, non lascia, anzi raddoppia: e dopo il grande successo della prima edizione, saranno ben due i fine settimana dedicati alla kermesse organizzata dall’Associazione culturale Subiaco Cultura e Natura. L’appuntamento è fissato per il 21, 22, 28 e 29 settembre - sabato a pranzo e cena e domenica solo a pranzo - nella città dei monasteri in provincia di Roma, ricca di storia e di arte. 

Festa Regionale della Polenta Villa d’Adige (12 al 30 settembre) - Con i funghi, con l’asiago e con il tastasale, un impasto di carne fresca di maiale macinata, salata e insaporita con pepe nero. E ancora con il grana a scaglie, con la soppressa, con il musso (l’asino) e con il baccalà. In quante varianti è possibile gustare una buona polenta? Nella patria italiana della regina dei piatti poveri, è tutto pronto per la festa dedicata all’amatissima signora in giallo: la Festa Regionale della Polenta tornerà ad animare dal 12 al 30 settembre Villa d’Adige, piccola frazione del comune di Badia Polesine. E’ una specialità che, in forme e varianti diverse, viene preparata in ogni angolo della Penisola: ma è in questo tratto della provincia di Rovigo - dove nel 1554 fu ospitata per la prima volta in Italia una coltivazione di mais – fu realizzato il primo, sperimentale impasto con il granoturco proveniente dall’America. 

Fungo porcino di Borgotaro IGP in festa (13 al 15 e ancora il 21 e il 22 settembre) - Mostre, degustazioni, cooking show. E ancora intrattenimenti per ogni età, spettacoli musicali itineranti e street food. Due fine settimana dedicati al gusto e al divertimento con un unico, grande protagonista: il fungo porcino di Borgotaro IGP. Dal 13 al 15 e ancora il 21 e il 22 settembre, Borgo Val di Taro torna ad aprire le porte per la Fiera del Fungo di Borgotaro, che nel paese in provincia di Parma rappresenta l’evento più atteso dell’anno. E non potrebbe essere altrimenti, perché quello che cresce spontaneo nei boschi appenninici che circondano l’abitato è un prodotto considerato superiore - per qualità organolettiche, olfattive ed aromatiche - rispetto agli altri porcini delle stesse specie che provengono da altre zone, sia italiane che estere. 

Ciammellocco e longarini, la sagra di Cretone (RM) raddoppia! (7/8 settembre) - Una deliziosa ciambella della tradizione da gustare insieme a un particolare primo piatto in un piccolo paradiso alle porte di Roma, famoso per le sue terme che sgorgano purissime da millenni. E’ quanto proporrà il 7 e l’8 settembre Cretone, che tornerà ad aprire le porte per l’ottava edizione della Sagra del ciammellocco e dei longarini. Uova, farina, anice, limone e olio d’oliva della Sabina sono gli ingredienti alla base del ciammellocco, che sarà cotto al momento e servito caldo, così come insegnano le nonne del posto. Quando se ne assaggia uno è davvero difficile riuscire a fermarsi; e oltre ad apprezzare il gusto particolare che gli danno l’anice a semi, i limoni grattugiati e spremuti e il liquore di anice e anisetta, i visitatori potranno farne incetta scoprendo la sua incredibile capacità di conservazione. Non a caso, negli anni passati, ha costituito il pasto ideale dei contadini nelle quotidiane fatiche nei campi per la sua capacità di mantenersi gustoso e fragrante per tanti giorni.