Mareggiata a Napoli, si contano danni: ristoratori in ginocchio

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Napoli, 29 dic. (askanews) - In attesa di una nuova ondata di maltempo, prevista nel tardo pomeriggio, sul lungomare di Napoli continua il lavoro per rimuovere i detriti e mettere in sicurezza non solo la strada e i parapetti che danno sul mare, ma anche le strutture esterne dei ristoranti e dei locali che si affacciano sulla via famosa in tutto il mondo. La violenta mareggiata, che si è verificata la scorsa notte, ha provocato ingenti danni in particolare nel tratto di strada tra piazza Vittoria e la sede universitaria di via Partenope. Le onde hanno invaso la carreggiata e, nella serata di ieri prima che l'arteria viaria fosse chiusa al traffico, alcune auto sono state colpite dalla violenza dei flutti. Fortunatamente non si sono registrati feriti, ma le immagini impressionanti di quello che stava accadendo hanno fatto in breve tempo il giro su chat e canali social. I maggiori danni sono stati registrati dai locali che si affacciano su via Partenope: qui sono stati distrutti ombrelloni, pedane e gazebo. Il forte vento ha portato via ogni cosa e l'acqua è entrata anche all'interno dei locali arrecando danneggiamenti alle suppellettili, agli arredi e alle cucine. Un disastro che si va ad aggiungere ai problemi dei ristoratori, già provati da mesi di stop e di restrizioni a causa dell'emergenza sanitaria. Gli storici parapetti che fanno da diaframma tra il mare e la strada, in alcuni punti sono stati infranti dalla furia del mare e del vento. La circolazione veicolare è stata riaperta questa mattina, ma continuano le opere di messa in sicurezza anche dei marciapiedi rovinati sul lungomare Caracciolo. Danni anche agli stabilimenti balneari di via Partenope e Posillipo, mentre sono pochi i disagi riscontrati dai Circoli Nautici della zona. Super lavoro non solo per i vigili del fuoco, ma anche per Asia, Napoli Servizi, Abc e polizia municipale intervenuti sul posto sin dalla serata di ieri per ripristinare le condizioni di sicurezza e viabilità.