Maria Elena Boschi: "Italia Viva non sarà un partitino, c'è una prateria davanti a noi"

HuffPost
ROME, ITALY - APRIL 03: Maria Elena Boschi attends a press conference to ask for justice for the families of seven female Italian exchange students on the Erasmus programme, who died in a bus accident near Freginals in Spain 3 years ago, on April 3, 2019 in Rome, Italy. The seven girls were among 13 who were killed when a bus carrying 57 Erasmus students from several countries crashed on a Spanish motorway as they returned to Barcelona from a firework festival in Valencia. (Photo by Simona Granati - Corbis/Getty Images)

Maria Elena Boschi assicura che Italia viva rispetterà i programmi e le scelte di governo e si dice convinta del fatto che attirerà un’altra decina di parlamentari. “Grazie a Italia viva - dice in un’intervista al Corriere della sera - il governo avrà più parlamentari, non meno. Quanto a Salvini, noi siamo quelli che lo hanno messo nell’angolo, non che lo hanno resuscitato. Abbiamo accettato persino di votare coi 5 Stelle pur di non dargli i “pieni poteri”. Erano altri quelli che volevano andare a votare a tutti i costi, non noi”. E annuncia che entro ottobre arriverà nelle truppe renziane un’altra decina di parlamentari.

Alla domanda se ci fosse bisogno di un nuovo partitino, Boschi risponde:

Penso che Italia viva non sarà un partitino. Ma che ve ne fosse bisogno non c’è dubbio: c’è una prateria intera per chi non vuole seguire gli estremismi di Salvini, fondare la società solo sull’assistenzialismo o diventare socio della Casaleggio.

Sul programma del Governo giallo-rosso dice:

Il programma di governo per noi è vincolante. Conte si è impegnato in Parlamento, noi siamo impegnati con Conte. Il punto che per noi ha maggiore rilevanza è il Family act al quale sta lavorando la ministra Bonetti: asili nido, assegno per le famiglie, misure per le donne.

Sulla riforma della giustizia del ministro Bonafede spiega:

Rispetteremo le decisioni della coalizione. Non dipingeteci come gli sfasciacarrozze perché non lo siamo. Il testo che uscirà dal confronto della maggioranza sarà votato anche dai nostri.

Continua a leggere su HuffPost